Home   Staff   Contact   Forum  Links

 [News] [Reviews]   [Interviews]   [Reports] [Events] [Demo Zone]     [Main Event]  

 

SPECIAL

     

 

 Speciale di Mario Grasso

Altra vera e propria meteora del panorama rock degli eightes è stata la band di Vinnie Vincent (vero nome Vincent Cusano), conosciuto ai più per essere stato il chitarrista dei Kiss (e non da semplice comparsa) in due fantastici album come Creatures Of The Night e Lick It Up. Dopo l’avventura con Simmons e soci, Vinnie mise su questo splendido progetto spinto dal desiderio di poter dare libero sfogo al suo estro senza freni e controlli. Sono della partita il batterista Bobby Rock, il bassista Dana Strum e l’ex Journey Robert Fleishman alla voce (anche se alle prime registrazioni  prese parte, come vocalist, Goran Edman). Le coordinate stilistiche vertono su un hard rock al limite del class metal molto vigoroso e coinvolgente, con una forte attitudine glam sapientemente guidata dall’istrionico chitarrista, per il quale l’appellativo di guitar-hero non era certo sprecato. Il primo e omonimo album, che vede la luce nel 1986 su Chrysalis/Capitol, trasuda energia da tutti i pori grazie a canzoni di altissimo livello e ad una produzione stellare. L’esempio è l’iniziale “Boyz Are Gonna Rock”, anthem di qualità sorretto da un guitar work animalesco, così come la successiva “Shoot U Full Of Love”, mid-tempo altamente coinvolgente pilotato con abilità da un grande Vincent. Non sono da meno “Animal”, “Twisted” e “Do You Wanna Make Love”, altri tre esempi di arena rock dinamico e dal grande impatto. Il gruppo sa lavorare anche di fino ed i risultati si vedono nelle due splendide ballad “No Sobstitute” e, soprattutto, nella monumentale “Back On The Streets” in cui è lo stesso Vinnie a dettare legge assieme a Fleishman, suscitando emozioni fortissime. Il successo non tardò ad arrivare e la band passò più di un anno in tour a supportare gente del calibro di Iron Maiden e Alice Cooper  prima di ripresentarsi sul mercato nel 1988 con il secondo capitolo “All Systems Go” ed un nuovo cantante, Mark Slaughter, dotato di una voce più adeguata al contesto musicale. Purtroppo, nonostante gli sforzi compiuti, i risultati non furono all’altezza delle aspettative, forse a causa della scarsa vena creativa dovuta al forte stress e di una produzione leggermente appannata. I colpi vincenti comunque non mancano: la splendida ballad “Love Kills” (inserita nella colonna sonora di Nightmare 3), il party rock di “Dirty Rhythm” e gli anthem adrenalinici di “Burn” e “Let Freedom Rock”, che però non bastarono a reggere le aspettative createsi dopo lo strepitoso esordio. Il gruppo sbandò,  riuscendo a pubblicare ancora un solo ep di quattro tracce, uscito nel 1996 e chissà quando registrato, poi il nulla. Bobby Rock tornò alla sua attività di turnista mentre Mark e Dana formarono, con un ottimo successo iniziale, gli Slaughter, prima di essere inghiottiti dall’uragano grunge trascinandosi nella mediocrità più assoluta fino ad oggi.

 

 

 

 

punto elenco

Track list

  • Vinnie Vincent Invasion

  • 01. Boyz Are Gonna Rock

  • 02. Shoot U Full Of Love

  • 03. No Sobstitute  

  • 04. Animal  

  • 05. Twisted

  • 06. Do You Wanna Make Love

  • 07. Back On The Streets

  • 08. I Wanna Be Your Victim

  • 09. Baby-O

  • 10. Invasion

  •  

  • All Systems Go

  • 01. Ashes To Ashes

  • 02. Dirty Rhythm

  • 03. Love Kill

  • 04. Naughty Naughty

  • 05. Burn  

  • 06. Let Freedom Rock

  • 07. That Time Of Year

  • 08. Heavy Pettin’

  • 09. Ecstasy

  • 10. Deeper And Deeper

  • 11. Breakout

  • 12. The Meltdown

  • 13. Ya Know-I'm Pretty Shot

 

punto elenco Photo Album

Copyright Roxx Zone - All rights reserved