ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


THE 69 EYES - X

Reviews

THE 69 EYES
X

(Nuclear Blast/Warner)

2012


Tre anni dopo Back In Blood i The 69 Eyes pubblicano il nuovo lavoro, il decimo della loro carriera, dal titolo X. La band gothic rock di Helsinki ci propone dieci canzoni registrate a Stoccolma sotto la guida dell’On The Verge Production Team, composto da Pat Phoenix e Joakim Övrenius. Il disco a livello tematico è segnato da testi tetri, vampireschi ed oscuri, ed al suo interno Jyrki69 e soci alternano queste emozioni strazianti alle descrizioni di amori spezzati e donne fatali in pieno stile goth’n’roll, rimanendo nella tradizione che la band ha riassunto in pezzi come “Gothic Girl” o “Wasting The Dawn”. L’opening track “Love Runs Away” è esattamente quello che ci si può aspettare dai 69 Eyes, senza aggiungere nulla di inaspettato ai ritmi in bilico tra il rock’n’roll e le influenze gothic. Si prosegue sulla stessa lunghezza d’onda con “Tonight” e “Black” per arrivare successivamente a “If You Love Me The Morning After”, nelle parole del frontman Jyrki ispirata dal “Romeo E Giulietta” di Zeffirelli. Segue poi primo singolo estratto “Red”, accompagnato da un video dove la melodia vellutata del brano viene eseguita dal gruppo circondato da donne in autoreggenti e da auto veloci. La seguente traccia “I Love The Darkness In You” contiene l’unico ritornello veramente catchy presente nel disco, quasi ipnotico, diventando una traccia che si immagina ballata da figure rivestite di latex e pizzo nero in discoteche goth. Dopo questo momento danzereccio i 69 Eyes ci trasportano in un saloon polveroso con “Bordeline”, registrata con l’obiettivo di emulare una versione live. Si tratta di un blues western, dove la voce suadente di Jyrki, ispirata chiaramente ad Elvis, rende questo uno dei pezzi migliori dell’album. L’ascolto continua con “I’m Ready”, che ricorda “Wrap Your Troubles In Dreams” del 1997, e “I Know What You Did Last Summer”, che si ricollega invece ai brani della band che contengono riferimenti cinematografici. Qui in particolare si omaggia l’omonimo film horror degli anni novanta, mentre in passato i riferimenti erano stati al capolavoro di Dario Argento “Suspiria” in “Suspiria Snow White” e al cult movie “Miriam Si Sveglia A Mezzanotte” con “Hunger”, entrambi contenuti nell’album precedente, Back In Blood. L’ultimo brano di X, “When A Love Comes To An End”, affonda le proprie radici nei The Doors di “Riders On The Storm” con lo scroscio di pioggia all’inizio ed al termine della traccia, chiarendo, nel caso ce ne fosse bisogno, quanto Jim Morrison e i Doors rappresentino una delle principali fonti di ispirazione dei vampiri di Helsinki. X risulta un lavoro non pienamente ispirato, che fa rimpiangere i migliori dischi gothic rock della band, Blessed Be e Paris Kills, e darà motivo di discussione agli ascoltatori più intransigenti, portando a prendere posizione rispetto alla “svolta melodica” dei 69 Eyes, già prevedibile a partire da Back In Blood, ma che ora è giunta al suo apice.

Alice Ottolini

Track List:

1. Love Runs Away
2. Tonight
3. Black
4. If You Love Me The Morning After
5. Red
6. I Love The Darkness In You
7. Borderline
8. I'm Ready
9. I Know What You Did Last Summer
10. When A Love Comes To An End




Torna ai contenuti | Torna al menu