ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


CREAM PIE - Unsigned 2.0

Reviews

CREAM PIE
Unsigned 2.0

(Autoprodotto)

2013




Finalmente un guppo che si propone lasciando perdere quella che è l’influenza compositiva di, forse, la maggior parte delle band glam/sleaze di oggi, e cioè Crashdïet e Hardcore Superstar, dando spazio a sonorità molto più old school alla W.A.S.P., Queensrÿche, Twisted Sister e Skid Row, e tanta melodia. Stiamo parlando dei Cream Pie che propongono il loro terzo lavoro prodotto in studio, con una tracklist di sette brani, di cui, purtroppo, si può essere interamente soddisfatti solo di alcuni, tra i quali “Such A Psycho” che merita davvero molto, “The Evil Inside”, e “Bad Habits”. Il resto sembrano più pezzi da riempimento, caratterizzati da una voce, se pur ben impostata, monotona, con un eccessivo numero di cori e variazioni e, a volte, dalla dubbia ed effettiva esecuzione naturale, e da una composizione strumentale che passa dalla troppa semplicità al proporre riff nuovi, orecchiabili e potenti a tal punto da distogliere completamente l’attenzione dell’ascoltatore dall’acuta voce del cantante, spostandola totalmente su di essi. Ciò non toglie, però, che Unsigned 2.0 sia un disco da consigliare vivamente a tutti gli appassionati di hard rock, 80’s heavy metal, glam e sleaze metal, con la speranza di un quarto lavoro più interessante e che possa riscattare la reale ed effettiva qualità della band.

Matt Woden

Track List:

1. Tiger
2. See Ya Later
3. The Evil Inside
4. Such A Psycho
5. No Love Remains
6. Bad Habits
7. Missin’ You (bonus track)




Torna ai contenuti | Torna al menu