ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


MARIO COTTARELLI - Una Strana Commedia

Reviews

MARIO COTTARELLI
Una Strana Commedia

(Crotalo Edizioni Musicali/New LM Records)

2011


Cremonese, Mario Cottarelli non è proprio un musicista “di primo pelo”, avendo già alle spalle una fortunata esperienza nel campo della musica dance e collaborazioni con artisti del calibro di Claudio Simonetti e Ivana Spagna(!). Nel 2007 ha pubblicato il suo primo album solista, Prodigiosa Macchina, contenente brani risalenti addirittura agli anni ’70, dove il nostro si dilettava a suonare progressive rock. Quattro anni dopo ecco una nuova prova discografica, che vede Cottarelli occuparsi di tutto (composizione, esecuzione, arrangiamenti e registrazione), sempre all’insegna del più classico progressive settantiano. Anche in questo caso si tratta di rielaborazioni di brani scritti diversi anni fa, precisamente tra il 1974 e il 1981, nei quali Cottarelli sciorina un’ottima competenza musicale tramite sontuosi arrangiamenti tastieristici. Già dall’iniziale title track si possono subito rimarcare pregi e difetti del lavoro in questione: il tallone d’Achille del musicista sono senz’altro le deboli parti vocali e l’utilizzo della drum machine, aspetti che inficiano la resa complessiva del lavoro. Detto questo, ci sono ottimi spunti che rimandano ai migliori gruppi della stagione progressive tricolore (e non solo), ma anche riferimenti ai primi album dei Magellan dei fratelli Gardner, (seppur epurati dagli elementi metal) e testi che, pur nella loro semplicità, risultano comunque interessanti e mai banali; in questo senso sono da citare senza dubbio la title track e “Corto Circuito”, anche se il pezzo più riuscito rimane lo strumentale “L’ Orgoglio Di Arlecchino”. Per raggiungere livelli qualitativi ancor più elevati (perché i requisiti ci sono, eccome!), potremmo consigliare al bravo Cottarelli di avvalersi di qualche collaborazione esterna, per esempio un buon cantante di ruolo e un batterista in carne e ossa. Si tratta comunque di un album che potrà piacere parecchio ai cultori del progressive rock.

Luca Driol

Track List:

1. Una Strana Commedia
2. L’ Occhio Del Ciclone
3. Corto Circuito
4. Bianca Scia
5. L’ Orgoglio Di Arlecchino




Torna ai contenuti | Torna al menu