ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


CRASHDÏET - The Savage Playground

Reviews

CRASHDÏET
The Savage Playground

(Frontiers Records)

2013


The Savage Playground è il primo album della band sleaze svedese che presenti la stessa line-up del precedente, dopo la tragica scomparsa di Dave Lepard, fondatore della band, nel gennaio 2006 e la dipartita di H. Olliver Twisted, ora frontman dei Reckless Love, nel 2008. Quasi tre anni dopo la pubblicazione di Generation Wild i Crashdïet ci propongono il loro nuovo lavoro, presentato già dall’artwork come una sorta di “parco giochi selvaggio” in un mondo apocalittico, che raccoglie un immaginario al limite del punk, fatto di suoni sporchi e ruvidi, lontani anni luce dalle produzioni patinate alle quali spesso si è abituati. Tra le influenze presenti rimangono i grandi nomi dell’hard rock e del glam metal, tra i quali spiccano i KISS, in particolar modo dell’epoca di Creatures Of The Night, Mötley Crüe e W.A.S.P., ma fanno il loro ingresso per la prima volta anche i The Doors del magnetico Jim Morrison, richiamati in diverse parti del disco attraverso l’utilizzo di frasi declamate dal singer Simon Cruz come fossero monologhi. In riferimento invece alle tematiche trattate, va detto che i testi, che pur mantengono lo stile per il quale il gruppo è conosciuto, non riescono a convincere pienamente. Perdono infatti in parte quella rabbia e quel senso di rivolta (come cita il singolo che più di ogni altro simboleggia al meglio l’era Lepard), elementi che rappresentano, o rappresentavano, il loro marchio di fabbrica. I pezzi migliori da segnalare sono “California”, una ballad sui-generis, “Drinking Without You” e la particolare “Garden Of Babylon”, mix tra sleaze e ritmi orientali. Concludendo, The Savage Playground, che necessita più di un ascolto per essere assimilato e “digerito”, non risulta un disco particolarmente ispirato, dominato da un chiaro riferimento al mercato statunitense, che i Crashdïet intendono conquistare anche grazie ad un massiccio tour.

Alice Ottolini

Track List:

1. Change The World
2. Cocaine Cowboys
3. Anarchy
4. California
5. Lickin’ Dog
6. Circus
7. Sin City
8. Got A Reason
9. Drinkin’ Without You
10. Snakes In Paradise
11. Damaged Kid
12. Excited
13. Garden Of Babylon




Torna ai contenuti | Torna al menu