ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


STONE ORANGE - The Dreamcatcher

Reviews

STONE ORANGE
The Dreamcatcher

(Street Symphonies/Andromeda Dischi)

2013




La band slovena Stone Orange sceglie di presentare il secondo album dal titolo The Dreamcatcher con una copertina di impatto, raffigurante un soggetto femminile che sembra fluttuare, prendendo fuoco, all’interno di un acchiappasogni inserito nel contesto di un paesaggio surreale. Forse proprio la metafora dell’acchiappasogni, lo strumento al quale i Nativi Americani attribuivano il potere di indirizzare i sogni positivi verso il possessore, allontanando invece gli incubi e le negatività, può permettere di comprendere questo disco. Partendo infatti dalle eredità del passato musicale, segnato dall’hard rock e dal sound Eighties, gli Stone Orange scelgono di fare proprie solamente le influenze positive e rockeggianti, squarciando senza pietà quel telo scuro che gli anni Novanta avevano lanciato sul gran parte del rock e del metal. Hard rock con un carattere contemporaneo, The Dreamcatcher risulta un lavoro riuscito, che contiene tracce che si fissano nella mente al primo ascolto, come la ballad “It’s Been Raining” o l’energica “White Of Their Eyes”.

Alice Ottolini

Track List:

1. Broken Man
2. I Am (Whatever)
3. Pride And Pain
4. Rockin' & Rollin'
5. It Keeps On Raining
6. Lovetron
7. Scare Me
8. Nobody Cares
9. Whites Of Their Eyes
10. Frozen Sky
11. The Age Of Stars




Torna ai contenuti | Torna al menu