ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


THE FIRE - Supernova

Reviews

THE FIRE
Supernova

(Valery Records)

2012


A tre anni di distanza dal bellissimo Abracadabra, i rocker nostrani The Fire tornano sulle scene con la loro ultima fatica, 10 pezzi (più due bonus track) di puro rock made in Italy che dimostrano come la band sia una delle realtà più affermate e sottovalutate della scena musicale italiana. Forti di due album e altrettanti ep, Olly e soci aprono il disco con “Claustrophobia” e la ballad “See You Next Time”, una scelta che ammazzerebbe qualsiasi disco rock ma che, nel caso dei The Fire, mette in risalto il loro sound unico che concilia melodia e attitudine rock in modo perfetto. Il ritmo sale con “Follow Me” (impossibile non canticchiarla già dopo il primo ascolto!) che vede Alteria come guest star, mentre in “Paralyzed” le chitarre di Filippo Dallinferno e Lou Castagnaro mettono il marchio della band su una ballad introspettiva e delicata, ma per niente scontata. La title track “Supernova” cattura perfettamente lo spirito della band e dell’intero disco: “an explosion of life”, come recita la canzone stessa, un rock diretto e melodico e dei testi (scritti tutti in collaborazione con la bravissima Marta Innocenti) in cui chiunque si può ritrovare. E se credete che i The Fire sappiano fare solo rock, ascoltate “Waltzin’ Monnalisa”: solo loro potevano prendere il waltzer che ballavano le nostre nonne e trasformarlo in un pezzo moderno e dal ritmo irresistibile (vedere un loro live per credere…). Con “Just Can’t Get Enough” e “Dynamite”, i cinque rocker ritornano a sonorità prettamente rock, mentre in “Mr Pain” l’atmosfera si fa più cupa e i riff di chitarra più pesanti. A chiusura del disco, però, troviamo un altro esempio del rock melodico targato The Fire, “Out Of Here”, che viene poi riproposta come bonus track nella sua versione italiana, “Tu Sei Solo Mia”, che Olly dedica alla moglie Francesca Du Demon; l’altra bonus track in italiano, “Business Trash”, vede la partecipazione di Pino Scotto, che aveva già incluso questa canzone nel suo album Codici Kappaò. Rispetto ai lavori precedenti, l’unica pecca che si potrebbe contestare al gruppo lombardo è l’eccessiva “melodicità” dell’album e la presenza di molti pezzi che sembrano strizzare l’occhio alla programmazione di molte radio commerciali, ma forse la loro vera forza è proprio questa: creare canzoni rock senza rinunciare alla melodia e al proprio sound caratteristico, con la voce inconfondibile di Olly che sa rendere ogni brano unico e mai banale. Dall’esordio nel 2005, quindi, i The Fire hanno saputo definire il loro stile musicale con coerenza e determinazione, e questo album ne è sicuramente la conferma.

Letizia Maestrello

Track List:

1. Claustrophobia
2. See You Next Time
3. Follow Me (feat. Alteria)
4. Paralyzed
5. Supernova
6. Waltzin' Monnalisa
7. Just Can't Get Enough
8. Dynamite
9. Mr Pain
10. Out Of Here
11. Business Trash (feat. Pino Scotto) (bonus track)
12. Tu Sei Solo Mia (bonus track)




Torna ai contenuti | Torna al menu