ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


SUITE 88 - Suite 88

Reviews

SUITE 88
Suite 88


(Autoprodotto)

2008

Mi ha un po' spiazzato trovare questo cd nella cassetta delle lettere: ricordavo di aver scambiato alcune e-mail con questo gruppo, ma parecchio tempo fa. Ed in effetti l'uscita di questo lavoro risale al 2008, ma non saranno di certo dei disservizi postali ad impedirci di parlarvene a dovere. La band nasce in Arizona dall'incontro sui banchi di scuola di alcuni ragazzi desiderosi di formare un complesso rock e il nome contiene l'anno di nascita di tutti i membri, il 1988. Cresciuti a pane e classic hard rock, i quattro giovani musicisti cercano di far rivivere attraverso le loro composizioni i tempi d'oro dell'epopea hair metal (Warrant, Poison, Mötley Crüe), combinando elementi più freschi e moderni, riconducibili ad artisti come Buckcherry, Nickelback e Saliva. L'opener “Ten Shots, Ten Minutes”, di cui è stato anche girato un videoclip, è catchy e coinvolgente, e ti fa sentire da subito parte integrante del party organizzato dai Suite 88. Ed effettivamente ascoltando brani come “Soul Rider”, “Uptown”, “Sleazy Susan” e “Rock Me” è facile volare con l'immaginazione e ritrovarsi catapultati come per magia in una di quelle feste tipiche dei college americani, tutte alcol e belle fanciulle, che si vedono nei film. Come in un buon album di party rock che si rispetti, non mancano i momenti romantici: il tempo medio “Dead & Gone” e la ballata “Heartbreak City” dovrebbero accontentare anche i rocker più sdolcinati. In chiusura è posta una cover dei Bad Company, “Can’t Get Enough”, riproposta in modo piuttosto fedele all'originale. Un disco senza troppe pretese, se non quella di provare a rendere un po' più attuale una proposta musicale ormai vecchia di almeno 25 anni. Il potenziale non manca e l'età gioca a loro favore; al cd i ragazzi hanno accompagnato il loro nuovo singolo “Rockstar”, che mostra già qualche piccolo passo avanti a livello compositivo e di idee: se qualche grossa etichetta si accorgerà di loro potrebbero anche sfondare.

Stefano Gottardi

Track List:

1. Ten Shots, Ten Minutes
2. Soul Rider
3. Uptown
4. How It Goes
5. Dead & Gone
6. Heartbreak City
7. Sleazy Susan
8. In The Darkness
9. Rock Me
10. Can’t Get Enough




Torna ai contenuti | Torna al menu