ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


BLOODY MARY - Shoot Me

Reviews

BLOODY MARY
Shoot Me

(Bad Reputation)

2012

We Rock You Suck!, debut album datato 2009 dei rocker Bloody Mary, aveva in qualche modo cominciato a far girare il (poco originale) nome della band transalpina fra appassionati ed addetti ai lavori. La cura perpetrata nella realizzazione grafica e sonora del disco ha attirato l'attenzione della Bad Reputation, che oggi licenzia questo secondo capitolo discografico. Shoot Me riprende in qualche modo l'approccio del suo predecessore, offrendo dieci tracce di robusto, ispirato e classicissimo hard rock dal retrogusto 80iano, con un pizzico di modernità e qualche strizzatina d'occhio alla scena rock'n'roll scandinava. Se al debut mancava la killer song, questo platter parte proprio con il suo pezzo forte, “SX.IN.XS”, forse l'unico episodio con qualche concessione allo sleaze americano dei tempi d'oro. Per il resto si ha la costante sensazione di trovarsi di fronte ad un elegante e ben riuscito mix di vecchio e nuovo, con elementi pescati dal repertorio di Tesla, Extreme ed Aerosmith, mischiati con sapienza ad altri propri di Hellacopters, Hardcore Superstar e Maryslim. Ne scaturiscono ottimi esempi di hard rock contemporaneo (“White Line”, “Lies”, “Biding Time”), una ballatona dal flavour radiofonico e a stelle e strisce (“Live & Learn”), qualche tuffo nel passato dalle venature decisamente blueseggianti (“Why Won't You Love Me Anymore” con ospite il chitarrista degli American Dog Steve Theado e “Rock N Roll's Our Business” con Lex, cantante dei Koritni). Su tutto brilla la produzione di Guillaume Bideau (Mnemic/One Way Mirror e già special guest sul lavoro d'esordio del power trio d'oltralpe), precisa e compatta, che conferisce al sound dei Bloody Mary potenza e un'affascinante vena sleazy, perfetta per le atmosfere alquanto sopra alle righe del disco. Certo qualche volta il songwriting zoppica (“Fuck You”, “Party Of Sin”), ma si tratta di un inconveniente per fortuna occasionale ed ininfluente ai fini della valutazione di un album che piace, convince e segna un piccolo passo in avanti rispetto al già soddisfacente debut.

Stefano Gottardi

Track List:

1. SX.IN.XS
2. White Line
3. Lies
4. Live And Learn
5. Why Won't You Love Me Anymore
6. Fuck You
7. Biding Time
8. Party Of Sin
9. Rock N Roll's Our Business
10. Life Pain




Torna ai contenuti | Torna al menu