ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


IRON MASK - Shadow Of The Red Baron

Reviews

IRON MASK
Shadow Of The Red Baron

(Lion Music/Frontiers)

2010


Gli Iron Mask si ripresentano sul mercato quattro anni dopo il disco Hordes Of The Brave (e già il titolo è tutto un programma…), con una formazione modificata in parte e una conferma generale del proprio stile. La presenza di due musicisti di rilievo quali Oliver Hartmann e Lars Eric Mattson (due teste di serie della premiata scuderia Lion Music) arricchisce un album abbastanza denso di contenuti già di suo, che risulterà di sicuro gradito agli amanti dello stile neoclassico. Si deve vedere in quest’ottica il grande risalto dato alla chitarra, che si ripercuote nelle lunghe parti strumentali che caratterizzano praticamente ogni brano, ed è sempre in quest’ottica che si possono sopportare, se non apprezzare, i sontuosi accompagnamenti corali, che sottolineano regolarmente la timbrica del cantante Valhalla Jr, accentuando il suo stile piuttosto enfatico soprattutto nei brani dove epico e cupo si incontrano. “Resurrection” riprende molto da vicino “Pyramid Of Cheops”, pezzo che Yngwie Malmsteen pubblicò nel 1994, e anche la title track, per quanto ben strutturata, ha molte somiglianze con la produzione anni ’80 del virtuosissimo svedese, ma il genere neoclassico è uno di quelli in cui è davvero molto facile trovare delle somiglianze con gli autori più celebri, quindi non è il caso di farne un dramma. Va contro corrente la power ballad “My Angel Is Gone”, che si risolleva da un andamento che definire stucchevole sarebbe poco proprio grazie agli strumenti solisti, mentre “Ghost Of The Tzar” è un esperimento non meglio identificato e non ben riuscito, più vicino al doom metal con voce growl.

Anna Minguzzi

Track List:

1. Shadow Of the Red Baron
2. Dreams
3. Forever In The Dark
4. Resurrection
5. Sahara
6. Black Devil Ship
7. We Will Meet Again
8. Universe
9. My Angel Is Gone
10. Only The Good Die Young
11. Ghost Of The Tzar
 




Torna ai contenuti | Torna al menu