ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


SEX DEPARTMENT

Interviews

S.E.X. DEPARTMENT - Kelly "Trash" Mendes

Intervista a cura di Claudio Puggioli

A parlare con noi Kelly "Trash" Mendes, capitano dei S.E.X. Department, band che da tempo è negli States a far vedere agli americani come anche gli italiani possano fare del buon rock'n'roll. Noi di RoxxZone non ci siamo fatti scappare l'occasione di chiacchierare un po' con lui, quindi reggetevi forte perchè questa è un'intervista provocante, senza giri di parole ma sempre con un pizzico di ironia in pieno stile S.E.X. Department!

Avete uno stile unico nel vostro genere, una sorta di “rock'n'roll police”, ma da dove è nata quest'idea?
Sir, è nata dalla consapevolezza crescente e preoccupante del fatto che il mondo sta andando alla deriva e la musica con esso. Io mi sono rotto i coglioni di vedere merde umane che costruiscono e plasmano a piacere dei prodotti discografici che monopolizzano la scena senza dare a nessun altro la possibilità di dire nulla. Qua in USA ci sono Hanna Montana o i Jonas Brothers, in Italia ci pensano “Amici di Maria”… Basta, uniamoci e cominciamo a menare. Join Rock’n’Roll SS, stop ai governi criminali d’accordo con le multinazionali che cercano di pilotare i nostri cervelli con qualsiasi mezzo. Guerra. Io da solo non posso fare nulla. L'ufficio di arruolamento è sempre aperto: www.sdepartment.ning.com oppure www.myspace.com/sexdepartment.

Finalmente un gruppo italiano tenta di sfondare negli Stati Uniti. Puoi raccontarci com'è partita quest'avventura?
Signor sì. Siamo partiti per un tour nel 2008 da Nuova York alla Città degli Angeli che ci ha fatto guadagnare il visto artistico per gli USA da parte della nostra etichetta Perris Records, e da qui ci siamo ripresentati a L.A. l’anno dopo, armati di strumenti elettrici e tanta voglia di suonare. Se sfondi a Hollywood è fatta.

Parliamo del vostro ultimo disco. Dall'album Night Club 666, prodotto nel 2006 a Rock'n'Roll Suicide, cos'è cambiato in linea generale?
Sir, è molto più bubblegum e graffiante, stridente, sleaze, bastardo. Fa quasi schifo, cazzo.

Inoltre nell'album troviamo una canzone tutta particolare: "L'italiano"... Non c'è che dire, un vero inno glam all'Italia! Ma chi ha avuto l'idea, e sopratutto che giudizio ha ricevuto dal pubblico d'oltreoceano?
Qui non capiscono un cazzo, Sir, non sanno neanche di cosa stiamo parlando. L’idea chi può averla avuta secondo te se non quello schifo del Cpt. Mendess? Toto Cutugno ha secondo me descritto con quella canzone uno scorcio della nostra Italia - che mi manca - in una maniera che io definisco assolutamente geniale e romanticissima. Grande Toto. Comunque e ovunque l’italico domina su tutti.

State suonando in grandi club di Hollywood, come ad esempio il Whisky a Go Go, che si prova a suonare finalmente in locali dove sono passati anche i più grandi artisti e band di sempre?  
Be', Sir, in Italia non mi fanno suonare neanche al New Age, ma neanche in Pizzeria da Roberto a Caorle, perché se non sei amico dell’amico, sei chiavato, ma qui non funziona così. Sul Sunset Strip chi è più bravo va avanti, chi è cesso va a casa. Si chiama meritocrazia, non nepotismo. Anche qua non è tutto rose e fiori, ma quelle facce ridicole di cui non faccio nomi perché sono un nobile, che sono abituato a vedere in Italia e con cui ho avuto il dispiacere di incontrarmi più volte, e che pensano che a giocare ai mafiosi ci si guadagni e che si credono i Doc McGee del momento, non si rendono conto che stanno collaborando alla distruzione della musica. Andate a lavorare! Io ho suonato la mia prima nota quando avevo tre anni e adesso sono ad Hollywood, non in vacanza. Mi sono fatto un mazzo tanto, suonando nei locali più cessi del pianeta, dal Texas alla Repubblica Ceca, quindi suonare al Whisky è fuckin’ amazing, ma solo un piccolo passo verso i soldi e la fama , noi continuiamo a vogare… Viva la Serenissima Repubblica.

Cos'è successo al festival Rock Gone Wild? Eravate in cartellone, ma poi è stato cancellato senza fornire alcuna informazione al pubblico. Visto che questo evento vi coinvolgeva in prima persona, cosa ci potete dire?
È stata messa su una mega truffa alla napoletana e molti ragazzi sono stati fregati, sia band, investitori, sponsor che pubblico. Non posso dire di più', si vedrà chi andrà in galera. A morte chi cerca di marciare sul rock'n'roll, Sir.

Ultimamente ci sono stati alcuni cambi nella vostra line-up. Che fine hanno fatto i vecchi membri? E i nuovi "ufficiali" sono solo un rimpiazzo temporaneo o sono entrati nella band in modo permanente?
Come al solito sono rimasto da solo. Scelte amico, scelte. Se non hai niente da perdere come me, vai avanti, se no, vai a fare pizze ''ae do rode'' a Caorle, Sir. Speriamo che questi nuovi Nasty Lane, basso, ex Gypsy Pistoleros e Justin Sandler, batteria, ex Tattooed Millionaires siano convinti a spaccare sul serio...

Puoi svelarci qualche futura mossa nella continua battaglia dei S.E.X Department? Quali progetti avete? 
Sir, tra un po' suoniamo con Doro Pesch al Key Club sul Sunset Strip: speriamo sia ancora figa. Bella valchiria. Progetti per il futuro? Uscita del nuovo album, già registrato, promozione e altri dischi e promozione e gigs e vaff…
Un bacio a Stefano, tu sei uno di quelli buoni (Grazie! NdStefano).




Torna ai contenuti | Torna al menu