ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


STAR RATS - Screw The Consequences

Reviews

STAR RATS
Screw The Consequences

(Swedmetal Records)

2009

Ben quattrodici tracce in questo terzo full-length degli Star Rats, che anche stavolta non si smentiscono e ci regalano un’ora di pure sleaze scandinavo, ma con qualche novità in più. La prima canzone, “Who Cares”, permette subito di inquadrare lo stile della band danese: toni duri, aggressivi, graffianti. È questo quello che ci aspetta nei prossimi cinquantanove minuti dell’album. Nel secondo pezzo, “I Could Die Here”, si sente in modo molto marcato uno stile influenzato dai Velvet Revolver, con una linea vocale altalenante, degna proprio del buon vecchio Scott Weiland e seguita da un assolo che sembra eseguito da Slash in persona. Sicuramente ciò che spicca in questo disco sono i toni più melodiosi, seppur duri, della chitarra di Post, scortata in modo ineccepibile anche dal basso e dalla batteria di Kass e Braun. Proseguendo nell’ascolto dei brani, il sound si mescola tra i già citati Velvet Revolver fino agli storici Ramones, creando uno stile non proprio originale che comunque sa colpire e affascinare l’ascoltatore. Una nota di merito va a “Raise Your Hands For Rock”, forse una delle migliori canzoni dell’album, grazie a un ritornello veramente orecchiabile. Sembra proprio che gli Star Rats abbiano fatto centro e questo sicuramente è un disco con tutte le potenzialità per uscire dalla massa e fare strada.

Claudio Puggioli

Track List:

1. Who Cares
2. I Could Die Here
3. Looosin’ It
4. As I Stay
5. Get Nasty
6. Raise Your Hands
7. Fakin’ An Inside
8. Psycho You
9. Brand New Soul
10. Another Tragedy
11. Land’s End
12. Mr. Whattafuck
13. I’ll Be There For You
14. Boozehound




Torna ai contenuti | Torna al menu