ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


SHABBY TRICK - RnR Raiser

Reviews

SHABBY TRICK
RnR Raiser

(Horus Music/Audioglobe)

2010

Due album, uno nel 1989, Badass, che col trascorrere degli anni ha anche riscosso un discreto successo fra gli appassionati, e uno nel 2000, Piercinality, passato del tutto (o quasi) inosservato. Un decennio dopo l'ultima fatica discografica, gli Shabby Trick riemergono dalla polvere del tempo grazie ai due membri originali Andrea Castelli (basso) e Max Bronx (chitarra), che hanno scelto di farsi accompagnare in questa nuova avventura dal batterista Brian "Heavy" Ancillotti dei Jolly Rox e dal cantante Mick Back dei Sex For Cash. Il risultato di questo connubio fra due vecchie volpi del rock and roll e due giovani leoni desiderosi di farsi un nome, è un giusto mix di antiche e più attuali sonorità sleaze, un ottimo compromesso per non far sembrare il tutto troppo vecchio e retrò, come capita spesso ai cloni di Mötley Crüe e della scena losangelina anni '80, ma nemmeno smaccatamente moderno alla maniera di Crashdïet e svedesi vari. Rispetto al poco ispirato predecessore, RnR Raiser ha un approccio più heavy e selvaggio, che coinvolge sin dai primissimi ascolti, anche grazie a melodie di facile presa e qualche ritornello indovinato. Una produzione convincente permette di gustarsi appieno l'ottimo lavoro svolto dalla granitica sezione ritmica, le taglienti chitarre di Bronx, e, soprattutto, la voce graffiante del bravissimo Back, senza dubbio una delle ugole più entusiasmanti in campo sleaze dell'intera penisola. Il grosso limite di questo disco però è il songwriting: se è vero che qualche brano come “Stop” (con il padre del batterista Brian, Bud Ancillotti, in veste di ospite), “Sleazy Lover”, “Nasty Jane” e “Getaway” riporta dritto dritto ai fasti di Badass e certo sleazy d'oltreoceano d'annata, e che “Bills To Pay”, vera perla di questo album, potrebbe essere tranquillamente la nuova hit di uno degli act più famosi dell'odierno panorama scan rock, bisogna anche riconoscere che pezzi come “Boogie Bluesie Lucy”, “Cradle Of Rock” e “The Last Chance” zoppicano un po'. Di certo qualche filler non inficia il valore di un disco che si pone nettamente sopra alla media, ma la scelta di una voce così caratteristica e personale come quella di Mick Back rende inevitabile il paragone con i suoi Sex For Cash, un gruppo che, al momento, ha probabilmente messo in circolazione uno dei migliori ep mai pubblicati da una street band italiana: One Night Girlfriend del 2007, che a livello di canzoni rimane un gradino sopra a questo cd (e non solo). I fan degli Shabby Trick, tuttavia, non dovrebbero restare delusi da questo, tutto sommato piacevole, comeback.

Stefano Gottardi

Track List:

1. Stop
2. RnR Raiser
3. Sleazy Lover
4. Boogie Bluesie Lucy
5. Cradle Of Rock
6. Nasty Jane
7. Heavy N Lethal
8. Getaway
9. The Last Chance
10. Bills To Pay
11. Fknrocka




Torna ai contenuti | Torna al menu