ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


DR. FREAK & MR. FOUR - Rock’n’Roll Brotherhood

Reviews

DR. FREAK & MR. 4
Rock’n’Roll Brotherhood

(logic(il)logic Records/Andromeda Dischi)

2011

Progetto decisamente interessante per Dr. Freak e Mr. Four, rispettivamente il frontman ed il bassista della band shock rock veronese Superhorrorfuck. In queste nove tracce viene ridimensionata in parte la vena splatter e horror che solitamente caratterizza il loro gruppo per poter esplorare sonorità più melodiche, accattivanti, al limite del romantico, mantenendo però quella vena tagliente che rappresenta la linea di continuità in questo album. La title track “Rock’n’Roll Brotherhood”, che apre il disco, si presenta in modo chiaro come il manifesto di tutto ciò che l’ascoltatore può trovare in questo lavoro: ritornelli maggiormente vicini alla tradizione del rock’n’roll classico e del glam (in confronto al sound maggiormente aggressivo dei Superhorrorfuck). Da notare il testo, che racconta di quanto l’amicizia sia importante e riesca a legare due persone anche in un ambiente sicuramente particolare come quello musicale. Dopo “Occasional Lover”, dalle atmosfere alla Stooges, viene proposto il brano che a mio avviso è il migliore dell’album, “Love After Death”, che si colloca in bilico tra la tradizione ormai classica delle ballad ed il filone tematico proprio dei Superhorrorfuck, riuscendo grazie all’armonia tra la voce graffiante di Dr. Freak e le suggestioni delle chitarre a creare un pezzo decisamente riuscito. “Farewell To My Muse” rappresenta invece la canzone più intimista, segnata dalle chitarre acustiche, seguita, come a voler spezzare l’atmosfera, da “Jumpin’ Again” e “I’ll Never Forget”, dal ritmo decisamente più incalzante. La settima traccia, “Destination L.A.”, è invece un tributo a quella che è stata, soprattutto per i riferimenti ai quali attingono Dr.Freak e Mr. Four, la Mecca della musica, Los Angeles, da raggiungere come un sogno verso il quale si puntano tutte le proprie carte. Il disco si conclude con due canzoni “Masters Of Aesthetics” e “Your Words, Your Air, Your Day”, che invece strizzano l’occhio all’electro-glam, forse allontanandosi troppo (in particolare quest’ultima) dalla linea tracciata nel corso del disco, cadendo a tratti nel pop. Nel complesso “Rock’n’Roll Brotherhood” è un album molto sfaccettato al suo interno, sicuramente motivato dalla voglia di esprimere un bisogno creativo di musicisti che solitamente sono inseriti in un altre sonorità, ma che hanno deciso di osare e di mettersi in gioco.

Alice Ottolini

Track List:

1. Rock’n’Roll Brotherhood
2. Occasional Lover
3. Love After Death
4. Farewell To My Muse
5. Jumpin’Again
6. I’ll Never Forget
7. Destination L.A.
8. Masters Of Aesthetics
9. Your Words, Your Air, Your Day




Torna ai contenuti | Torna al menu