ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


WILDROADS - Riding On A Flaming Road

Reviews

WILDROADS
Riding On A Flaming Road

(New Idols/Gatti Promotion)

2012


Pubblicano solo oggi il loro disco d'esordio, ma i toscani Wildroads esistono dal 2001 ed hanno alle spalle un ep, datato 2010. Evidentemente queste canzoni devono aver avuto una gestazione piuttosto lunga, o almeno questo è ciò che verrebbe da pensare analizzando la storia della band. L'ascolto di questo Riding On A Flaming Road evidenzia la perizia tecnica e la passione verso l'hard degli anni '80 dei componenti del gruppo, gente che sembra cresciuta mangiando panini pieni zeppi di Skid Row, Cinderella, AC/DC, Motörhead e Mötley Crüe. L'esperienza non gli permette tuttavia di non steccare il primo pezzo: gli oltre sei minuti di durata di “Look At Me Burning” non sono il migliore dei biglietti da visita, in questa canzone la band inoltre ricorda davvero troppo i conterranei H.A.R.E.M., il cui leader Freddy Delirio aveva prodotto (e fatto da ospite) il precedente ep. Riff robusti ed elucubrazioni street rock, un chitarrismo fluido ed efficace, vocals potenti (anche se non particolarmente elaborate) e una sezione ritmica pressante danno vita ad un sound vivace e coinvolgente, anche se poco originale. Molto accurata e adatta a quanto proposto la produzione, che esalta suoni nitidi e cristallini, senza intaccare minimamente l'animo sleaze del gruppo. Fra le migliori composizioni riscontrate ci sono le heavy rock oriented “Sick Soul” e “She Has Been Cheated”, le ballate “To Be King” e “Relieve My Life”, e l'hard rock blueseggiante e sornione “Titty Twister Blues (Open Dusk ‘til Dawn)”. Come sottolineato in apertura di recensione, un minutaggio decisamente elevato spezza un po' la scorrevolezza del cd; anche se bisogna riconoscere alla band una certa consapevolezza dei propri mezzi, un tentativo di snellimento del songwriting andrebbe quantomeno preso in considerazione per il futuro. Anche perché il difetto principale di questo disco è l'estremizzazione musicale di certi cliché anni '80 che, per fortuna, negli anni 90 e 2000 in Scandinavia hanno saputo limitare. Siamo tuttavia di fronte ad un buon esordio, che piacerà ai cultori del genere e agli scapocciatori da competizione.

Sergio Grossi

Track List:

1. Look At Me Burning
2. Wildroads
3. Sick Soul
4. She Has Been Cheated
5. Relive My Life
6. Your Last Day
7. Rider Of The Sunset
8. To Be King
9. Titty Twister Blues (Open Dusk ‘til Dawn)




Torna ai contenuti | Torna al menu