ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


RAGDOLLS + SHF

Live Reports

RAGDOLLS + Superhorrorfuck

Black Rose, Acquafredda (BS)
31/10/2011

Report di Alice Ottolini, foto di Stefania Marchi

Nella notte di Halloween, dedicata a zombie, streghe, vampiri e mostri di ogni genere, quali band possono essere più adatte per far ballare creature simili se non esponenti del filone horror rock/shock rock italiano ed internazionale? Nasce così la serata dell’Halloween party al Black Rose di Acquafredda (Brescia) che ci propone nella cornice suggestiva del locale decorato in pieno stile horror, tra gabbie contenenti scheletri e spose cadaveri, i Superhorrorfuck ed i Ragdolls. Entrambe le band, sotto la bandiera della logic(il)logic Records, presentano uno stile ed un’attitudine adatti alla nottata della paura per eccellenza, e proprio i partecipanti alla festa, tra trucco splatter e abiti eccentrici, sembrano rappresentare il pubblico ideale per i loro show. Aprono la serata i veronesi
Superhorrorfuck, che proprio in questa nottata spettrale festeggiano il loro sesto anniversario di morte come band (sono dei non-morti provenienti da Desperation City, giusto per specificare), e per l’occasione hanno organizzato l’estrazione di premi legati al gruppo destinati ai presenti. Il loro show, segnato dall’immaginario horror e dal gusto per la provocazione, è all’insegna principalmente del loro album del 2010, Livingdeadstars, dal quale sono estratti la maggior parte dei brani proposti (come “You Can Leave Your Head On”, “Lick You To Death” e “Pissing On Heaven’s Door”). In questa set list sono stati inseriti anche due nuovi brani, “Down At The Graveyards”, dal prossimo lavoro della band, e “Love After Death” che farà parte dell’album intitolato Rock’n’Roll Brotherhood, progetto di futura pubblicazione del cantante Dr. Freak e del bassista Mr. Four, al quale seguirà nei prossimi mesi per i Superhorrorfuck il “Love After Death Tour”. La band mostra di avere attinto le proprie influenze da diversi stili, a partire dagli ormai classici dell’horror punk come i Murderdolls, allo sleaze e al glam, per arrivare al punk più diretto. Colpiscono per il loro impatto visivo e per l’attitudine on stage, coordinata con buona capacità nelle esecuzioni dei brani. Dopo il set dei Superhorrorfuck, seguito dall’estrazione dei premi per il loro compleanno e dalla premiazione dei migliori costumi di Halloween presenti alla serata, salgono sul palco gli svedesi Ragdolls, al loro secondo tour nel nostro Paese in pochi mesi. Presentano rispetto allo scorso marzo un cambiamento nella formazione, infatti il chitarrista Damaged L è stato recentemente sostituito da Dixxi (ex Innocent Rosie), e questo ha in parte influenzato la compattezza della band, senza però scalfire il loro impatto sul pubblico, già riscaldato (e shockato) a dovere dal gruppo di apertura. Il concerto è un susseguirsi di brani tirati e coinvolgenti, all’insegna dell’immaginario legato ai film horror e splatter, tra omicidi (l’esibizione si apre proprio con “Beautiful Homicide”), zombie (richiamati oltre che dal look della band anche dai tesi delle canzoni) e lupi mannari. Nel corso dello show Vikki Violence e colleghi realizzano anche una scappatella nel pop, con una cover in versione metal di “Bad Romance” di Lady Gaga, che ha fatto canticchiare praticamente tutti (probabilmente chi non conosce questa canzone deve avere vissuto su Marte di recente). Il loro pezzo più conosciuto tra quelli proposti è stato senza dubbio “Michelle”, ispirato ad atmosfere di stampo fifties, mescolate alle canzoni d’amore più classiche, con in aggiunta il tocco dissacrate che caratterizza questo gruppo (la ragazza in questione, Michelle, è un cadavere in un cimitero mentre il suo innamorato è un ragazzo ancora in vita). Volgendo verso la conclusione della serata i Ragdolls vengono raggiunti sul palco dai Superhorrorfuck per la cover di “Mr. Motherfucker” dei Frankenstein Drag Queens From Planet 13, fino ad arrivare al gran finale con “Shut Up And Drink”. Serata decisamente riuscita, caratterizzata da pubblico attivo e ricettivo, forse proprio per la voglia di divertisti che contraddistingue la festa di Halloween.

Superhorrorfuck Set List:

1. Woman Of My Death
2. You Can Leave Your Head On
3. Love After Death
4. Lick You To Death
5. Holy Zombie
6. Touch Your Soul
7. Pissing On Heaven's Door
8. LivingDeadStar
9. Down At The Graveyards
10. Horrorchy Part II: The Prophets

Ragdolls Set List:

1. Beautiful Homicide
2. Boogeyman
3. Zombie Slammer
4. I'm A Werewolf
5. Halloween Night
6. Bad Romance
7. Gravediggers Dance
8. Michelle
9. House Of Horror
10. Mr Motherfucker
11. Shut Up And Drink




Torna ai contenuti | Torna al menu