ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


DELEEDERS - Ouch!

Reviews

DELEEDERS
Ouch!

(Tornado Ride Records)

2011


I Deleeders nascono nel 2007 da un'idea di Teo (chitarra) e Blackie (basso, qualcuno forse l'avrà notato su e giù per i palchi italiani con gli Hollywood Killerz, coi quali sta collaborando per le date a sostegno di Dead On Arrival), che volevano creare qualcosa sullo stile di band come i Juliette & The Licks, facendo confluire al suo interno anche elementi riconducibili a formazioni concettualmente piuttosto distanti fra loro come Jet, Foo Fighters, Weezer e Mötley Crüe. Dopo un demo e un cambio di line-up che ha visto l'ingresso del batterista Enrico e della cantante Titty, il quartetto ha dato vita alla sua prima fatica sulla lunga distanza, Ouch!, su etichetta Tornado Ride. L'attacco della robusta opener “Sinners Never Repent”, forse per le similitudini a livello vocale fra Titty e Charlotte S, fa venire a mente un'altra female fronted band torinese, gli Upperclass Bastards, ma con lo scorrere dei pezzi il disco prende una piega più soft e melodica. Già la successiva “Killer Diller” mostra una vena pop/punk piacevole e decisamente scanzonata, ma il vero capolavoro è la title track, di cui è stato girato anche un divertente videoclip: in poco più di tre minuti i Deleeders riescono a partorire un concentrato di melodia e spregiudicatezza che conquista sin dal primo ascolto, grazie anche alla voce sbarazzina e sensuale della bella Titty. Altri colpi vincenti assolutamente da segnalare sono l'atmosferica “Try”, con l'inserto di armonica di El Bastardo (Bad Dog Boogie), la più “heavy” e diretta “Leave Your Dreams Behind”, la ruffiana “Whether You Like It (Or Not)", e il “lentone” finale “The Way I Am”, anche se bisogna riconoscere che il livello qualitativo dei brani è sempre alto, probabilmente anche grazie alla natura easy listening del disco stesso, composto e pensato per un ascolto non troppo impegnativo. E se l'obiettivo dei ragazzi era questo, è stato certamente centrato. Buoni anche la produzione, ad opera del batterista degli Hollywood Killerz Roby Vitari, che appare in veste di guest su una canzone, ed il packaging del cd. Pollice alto!

Stefano Gottardi

Track List:

1. Sinners Never Repent
2. Killer Diller
3. Ouch!
4. Try
5. Whoo Ah Pah
6. Leave Your Dreams Behind
7. Whether You Like It (Or Not)
8. Stay The Hell Away
9. I Don't Mind
10. The Way I Am




Torna ai contenuti | Torna al menu