ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


ADDICTION FOR DESTRUCTION - Neon Light Resurrection

Reviews

ADDICTION FOR DESTRUCTION
Neon Light Resurrection

(R.W.A. Music Company/Andromeda Dischi)

2012


Se Neon Light Resurrection arrivasse fra le vostre mani senza custodia, senza informazioni, e se non sapeste esattamente nulla della band che l’ha realizzato potreste benissimo credere che sia opera dell’ennesimo gruppo sleaze scandinavo o americano. Invece no. Gli Addiction For Destruction sono una band russa, formata a Mosca nel 2010, che propone un sound accattivante in bilico tra la tradizione hard rock e sleaze. Risultano chiari i riferimenti a partire dai quali il gruppo si muove: Guns N’Roses (già in parte richiamati nella scelta del nome), Aerosmith, Skid Row e Vain per citare i meno giovani, Backyard Babies tra le influenze di origine più recente. Da queste basi il quartetto (che conta al suo interno il chitarrista danese Hennig N. Nielsen) elabora il proprio sound, immediato e senza fronzoli, reso al meglio in tracce come “My Resistance”, “On My Needle” e “Feelin’ Fine”. La band, pienamente a proprio agio con i brani tirati e basati sui riff di chitarra, risulta meno convincente nella ballad del disco, “Jaded Heart”, probabilmente il pezzo meno riuscito nel contesto di un album che vuole trasmettere energia e adrenalina. Solo per essere riusciti a realizzare un lavoro così differente da quello che solitamente la loro terra natia esporta all’estero gli Addiction For Destruction meritano ammirazione, e se in aggiunta il disco che ci propongono è credibile e di qualità, non si può che elogiarli.

Alice Ottolini

Track List:

1. My Resistance
2. Rock 'N Roll To You
3. On My Needle
4. Neon Light Resurrection
5. Nervous Breakdown
6. Jane Is Insane
7. Jaded Heart
8. Feelin' Fine
9. Can't Wait
10. (I Don't Care) You're Nothing




Torna ai contenuti | Torna al menu