ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


M.I.L.F. - Let's Roll

Reviews

M.I.L.F.
Let's Roll

(Autoprodotto)

2012


Il nome è M.I.L.F., il logo una donna in posa sexy, il titolo Let's Roll: basta la copertina del cd per capire che tipo di musica possa proporre questa band. La foto sul retro mette in mostra anche un look quasi credibile (gli scandinavi ci battono sempre e comunque), che fra smalto e matita sugli occhi lascia ben poco spazio all'immaginazione: i M.I.L.F. - acronimo di Make It Long ‘n Fast - suonano hard rock nella sua accezione più sleazy. La sensazione, appena “Let’s Go” attacca, è che questi ragazzi siano cresciuti coi poster di Mötley Crüe e Guns N' Roses appesi in camera e con il mito del rock anni '80 Made in Usa. Chitarre indiavolate, cori anthemici e una voce per timbrica ed estensione perfetta per il genere, sono il marchio di fabbrica di questa giovane formazione toscana; il rovescio della medaglia è che il risultato finale è un po' troppo derivativo e manca una killer song che faccia sollevare il sopracciglio. Negli ultimi 10/12 anni il numero di gruppi usciti soltanto in Italia simili ai M.I.L.F. è davvero considerevole (ne ho sentiti talmente tanti, tutti uguali fra loro, che ormai sono sicuro di saper individuare una band italiana al volo, solo vedendo una foto o ascoltando una canzone), e questo ep poco aggiunge a quanto detto da tanti altri in precedenza. Tecnicamente i numeri per fare bene li hanno, ma in futuro dovrebbero riuscire a compiere un salto di qualità in termini di songwriting e provare a partorire qualcosa di un po' più personale, sia a livello musicale che di tematiche (“Can't Stop ad esempio è un calderone zeppo di cliché, nemmeno troppo efficace, ed anche l'appuntamento con la ballad è stato completamente mancato, con un pezzo, “Thief Of Love”, piuttosto scontato e poco convincente). L'alternativa è continuare a sguazzare nella mediocrità, e sarebbe un peccato per il potenziale che, fra alti e bassi, questo lavoro d'esordio riesce comunque a mettere in evidenza.

Stefano Gottardi

Track List:

1. Let’s Go
2. Midnight
3. Thief Of Love
4. Can’t Stop
5. Beach Blues (bonus track)




Torna ai contenuti | Torna al menu