ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


SINEZAMIA - La Fuga

Reviews

SINEZAMIA
La Fuga

(Autoprodotto)

2012


Dopo due ep, è giunto, per il quintetto mantovano dei Sinezamia (monicker che nasce dall’accostamento di due termini latini e significa “senza pregiudizio”) il momento di fare l’importante passo del full-length: gli otto brani qui contenuti si collocano nel filone dark wave tricolore, sulle orme di primi Litfiba, Diaframma e Neon, seppur con un impianto strumentale più “pesante”. L’originalità è dunque bandita, in virtù di un brillante recupero di quelle sonorità che blandivano darkettoni de’ noartri un terzo di secolo fa, in un amarcord pregno di spleen in cui anche la voce di Marco Grazzi tenta di riportare l’ascoltatore a quegli anni, tramite un timbro riecheggiante tanto il giovane Pelù che l’indimenticato Miro Sassolini. Decadenti liriche, tutte rigorosamente in italiano e che paiono uscite dalla penna di un Fiumani in erba (non quella che si fuma), completano un’opera che pare dedicata a tutti gli orfani di un certo sound in voga negli anni ’80, che rappresentò il contraltare di certe spensieratezze pop. Se durante la vostra adolescenza avete consumato Siberia e Desaparecido, non faticherete ad assimilare immediatamente piccole gioie sonore come “Ghiaccio Nero”, “Nella Distanza”, “Occhio Elettrico” e la più elettrica “Ombre”. Un gradito debutto.

Luca Driol

Track List:

1. Ghiaccio Nero
2. La Fuga
3. Nella Distanza
4. Occhio Elettrico
5. Ombra
6. Venezia
7. Frammenti
8. Nebbia Di Guerra




Torna ai contenuti | Torna al menu