ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


DYNAZTY - Knock You Down

Reviews

DYNAZTY
Knock You Down

(Stormvox Records)

2011

Due anni dopo il debut Bring The Thunder, edito dall'americana Perris Records (qualcuno sa che ne è stato di questa label? NdR), i Dynazty tornano con un nuovo disco e un nuovo contratto con la StormVox Records, sottoetichetta della Playground Music di proprietà dell’attore svedese Peter Stormare, che ha avuto il merito di lanciare gli H.E.A.T. Titolo e copertina con pugno in primo piano ben rappresentano la proposta del combo scandinavo: metal melodico spruzzato di quel party rock tanto in voga negli anni '80 che significa chitarre affilate come rasoi, cori poderosi e ficcanti e ritornelli a presa rapida. Un mix di Europe, Pretty Maids, Skid Row, Mötley Crüe e Ozzy Osbourne che difficilmente lascia indifferenti all'ascolto. L'idea è la stessa del debut album, ma il livello qualitativo del disco, che non fa registrare evidenti cali di intensità, è leggermente superiore; non stupisce, quindi, che abbia raggiunto la seconda posizione nella metal chart svedese. Difficile assegnare la palma di miglior canzone, anche se l'opener “Sleeping With The Enemy” è talmente catchy da invogliare a ripetuti passaggi. Registrato in tre settimane a Los Angeles, California, dove questo tipo di musica è praticamente nato, il disco suona selvaggio e potente, e la performance del gruppo è da incorniciare, anche se, ancora una volta, spicca la voce di Nils Molin, che con ogni probabilità in questo momento è uno dei maggiori talenti europei. E la stessa cosa si può dire dei Dynazty, una band di razza che merita di fare strada.

Stefano Gottardi

Track List:

1. Sleeping With The Enemy
2. New Sensation
3. The Devil’s Playground
4. Hunger For Love
5. Get It On
6. Knock You Down
7. Mr. Money
8. Wild Nights
9. Brand New Day
10. Throne Of China
11. The Great Delusion
12. This Is My Life
13. A Girl Like You




Torna ai contenuti | Torna al menu