ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


D-VINES - Kill Me Martina

Reviews

D-VINES
Kill Me Martina

(Valery Records)

2011


Kill Me Martina, disco d'esordio dei D-Vines, è uscito originariamente sotto forma di autoproduzione nel 2010, ed ha condotto in brevissimo tempo la band alla corte dellla Valery Records, che li ha messi sotto contratto e, per far prendere loro confidenza con certi palchi, li ha mandati in giro a farsi le ossa coi The Fire. Nel frattempo la Valery ha ristampato il cd e la formazione dei D-Vines si è arricchita delle prestazioni del chitarrista e seconda voce Fabio Bonezzi, ora settimo membro ufficiale. Il disco, suonato dalla formazione a sei, è un agglomerato di rock elettronico condito da melodie zuccherose e di facile assimilazione, che smussano la ruvidezza della base heavy che caratterizza l'intero lavoro. La presenza di due elementi come Lorenzo Sirigu, beat & sound, e Riccardo Frigoni, dj & sound engineering, conferisce alle composizioni un flavour industrial, fortemente in contrapposizione con la carica rock del resto del gruppo, che, fortunatamente, vanta un batterista in carne e ossa (peraltro tecnicamente di un certo valore), Fabiano Bolzoni. Per descrivere, in maniera sempre approssimativa, perché restiamo dell'idea che per comprendere al meglio un disco sia d'obbligo ascoltarlo, il sound del gruppo, potremmo citare artisti come Depeche Mode, Nine Inch Nails e Zeromancer. Coi dovuti paragoni ovviamente. La sensazione, purtroppo, è che la band non abbia un'idea precisa su quale sia il proprio obiettivo, quale il percorso musicale da seguire, lasciandosi talvolta prendere un po' troppo la mano da certe elaborazioni di dubbia efficacia. Qualche buona zampata la danno (i due brani scelti per i videoclip “Drawing In Electromud” e “Everyday” funzionano), ma spesso si perdono nei meandri della sperimentazione, dando vita a momenti di stanca e qualche filler di troppo. Un album ben prodotto e confezionato, caratterizzato però da una certa inesperienza di fondo. Non un lavoro da bocciare in toto, ma forse un po' sopravvalutato dal resto della stampa di settore. In futuro devono e possono fare meglio.

Sergio Grossi

Track List:

1. Your Lies
2. Everyday
3. Experience
4. Kill Me Martina
5. Drawing In Electromud
6. Stars
7. June 20th
8. My War
9. Juliet




Torna ai contenuti | Torna al menu