ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


RATT - Infestation

Reviews

RATT
Infestation

(Roadrunner Records)

2010

Chi non muore si rivede. E così, dopo 11 anni anche i Ratt sono tornati a produrre musica. A sorpresa la rentrée discografica del combo losangelino è più che buona: probabilmente in pochi avrebbero scommesso qualche centesimo sul colpo di coda della nota hair band americana, dopo il poco convincente album omonimo del '99, che deluse i fan storici e si rivelò un flop commerciale. A riproporsi è la stessa formazione di allora: Stephen Pearcy (voce), Warren DeMartini (chitarra), Robbie Crane (basso) e Bobby Blotzer (batteria), con l'aggiunta della sei corde di Carlos Cavazo (Quiet Riot), che idealmente prende il posto di Robbin Crosby, scomparso nel 2002, ma comunque assente dalla line-up del precedente platter. L'opener “Eat Me Up Alive” mostra subito lo spirito guerriero che rugge nell'incazzoso petto di Pearcy & Co.: i cori, il ritornello a effetto, le twin guitars, tutto sembra essersi fermato al 1990 o giù di lì. Le successive “Best Of Me” e “A Little Too Much”, infatti, confermano che quelle che si respirano sono atmosfere perfettamente in sintonia con quelle che caratterizzavano Reach For The Sky e Detonator. Forse non tutti i brani raggiungono questi stessi picchi compositivi, ma senza dubbio il livello è molto alto e costante per tutta la durata del cd. Rendersi conto che, per una volta, sono i “vecchietti” a riprendere in mano ciò che gli appartiene, l'hair metal, è una bella sensazione, e la dimostrazione che anche i capostipiti del genere un occhio di riguardo per le la nuova ondata glam ce l'hanno, e sanno “modernizzarsi” nei suoni pur mantenendo intatto lo spirito originale. Da segnalare fra gli altri pezzi degni di nota la vivace “As Good As It Gets” e la semi ballad “Take Me Home”, ulteriori sigilli su un album che probabilmente non diventerà un classico, ma saprà accontentare vecchi e nuovi fan di questa immarcescibile band.

Stefano Gottardi

Track List:

1. Eat Me Up Alive
2. Best Of Me
3. A Little Too Much
4. Look Out Below
5. Last Call
6. Lost Weekend
7. As Good As It Gets
8. Garden Of Eden
9. Take A Big Bite
10. Take Me Home
11. Don’t Let Go




Torna ai contenuti | Torna al menu