ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


EVILMRSOD - I Am A Demon & I Love Rock ‘n’ Roll

Reviews

EVILMRSOD
I Am A Demon & I Love Rock ‘n’ Roll

(Autoprodotto)

2007


L’introduzione parla di un individuo spettrale proveniente dalle parti più oscure dell’inferno, ma la situazione in realtà è molto più blanda. Per chi apprezza il rock-blues melodico, l’occasione è buona, dato che il fantomatico Evilmrsod, pseudonimo che cela lo spagnolo (ma vivente a Berlino) Pablo Rodrigues, sta portando il suo nuovo album in tour per tutta l’Europa e passerà dall’Italia per tre date nella prima metà di novembre. Una lunga carriera alle spalle, una chitarra davanti e una voce roca a raccontare se stesso, con testi in prima persona, semplici e diretti come deve essere un buon pezzo rock, sono questi gli elementi fondamentali della musica di questo artista, che non brilla in quanto a spirito creativo, ma ha sicuramente in sé una fortissima dedizione alla causa, come intitola il cd in questione, quindici tracce quasi interamente in acustico e una moltitudine di ritmi a cui aggrapparsi. La prima parte del disco è un po’ in sordina, e i primi cinque brani risultano fin troppo ripetitivi sia nei testi che nelle linee melodiche, ma quando si arriva a “Live Under Water” e al suo giro di armonica in stile anni Sessanta si comincia a fare sul serio. Come già accennato, sono diversi i pezzi cantati in prima persona, come “In Your Arms”, “I Was Down (Now I’m Not)”, l’ironica “Bad Boy” e “Fuck You First”, un chiaro riferimento a coloro che bistrattano l’attività di Evilmrsod e ne criticano gli interessi. Tra gli altri, meritano inoltre attenzione “At Night”, dal ritmo lento ma sostenuto in modo efficace dalle chitarre e da un’armonica blues, e “Closer”, brano lento e di atmosfera ma per niente scontato. Cos’altro dire? Forse il buon Evilmrsod non sarà tutto questo genio nel suonare e nel creare melodie originali, ma di sicuro ci sono alcune idee interessanti nella sua musica, che va ascoltata in momenti di particolare relax, nonostante si tratti di rock, per potersi introdurre al meglio nelle sue atmosfere molto concrete ma al tempo stesso impregnate di sogno.

Anna Minguzzi

Track List:

1. Intro
2. In Your Arms
3. I’m Afraid Of The Radio
4. This Fire
5. My Dark Soul
6. Live Under Water
7. Sinnerman
8. Wham Bam Thank You Man Blues
9. I Was Down (Now I’m Not)
10. Jackson Pollock Blues
11. At Night
12. Closer
13. Bad Boy
14. Radio (Reprise)
15. Fuck You First





Torna ai contenuti | Torna al menu