ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


H.E.A.T.

Live Reports

H.E.A.T.

Sollentuna Rock & Blues Festival, Sollentuna (Svezia)
25/08/2012

Report di Alice Ottolini, foto di Kristian Reuter

Headliner dell’edizione di quest’anno del “Sollentuna Rock & Blues Festival”, che si svolge nella cittadina di Sollentuna, alle porte di Stoccolma, sono stati gli
H.E.A.T., aor band svedese che ha recentemente raccolto grandi successi di critica con il terzo album Address The Nation. I sei ragazzi si sono presentati sul palco in gran forma, carichi e sorridenti, e sono stati accolti dall’affetto del pubblico locale, composto da fan di età differenti (ricordiamo comunque che si trattava di un festival, non di un concerto solamente loro), che non ha certo deciso di risparmiare la voce, nonostante la serata fresca. Il recente cambio di formazione, con l’entrata del nuovo singer Erik Grönwall sembra apprezzato dai presenti, che si sono lasciati coinvolgere e hanno interagito con i suoi vocalizzi. La voce del giovane cantante non delude live, rispettando le aspettative che ci si crea ascoltandolo nelle registrazioni in studio, ma questa sua qualità a livello vocale sembra a tratti superare le sue capacità come frontman, qui inteso nel senso “gigione” e ruffiano del termine. Risulta infatti a tratti acerbo nei movimenti e nel modo di tenere il palco, ma si capisce che questo accade per il poco tempo passato a guidare una rock band, più che per un’effettiva difficoltà. Con l’aiuto di qualche periodo on the road sulle spalle questo ragazzo potrà migliorare a mio avviso e riuscire così a trainare gli H.E.A.T. verso lo status di band rock di riferimento nel mondo aor. Al di là di questa criticità, va notata la chimica genuina tra il nuovo acquisto ed il resto della formazione, e questo conferma l’impressione che il gruppo sia veramente unito e che sia sinceramente orgoglioso del recente sforzo creativo pubblicato. La setlist del concerto è stata come prevedibile dominata proprio dal lavoro più recente, suonato per intero, al quale sono stati aggiunti brani dei due dischi dell’era Leckremo, come il classico “1.000 Miles” e “Beg, Beg, Beg”. E però un richiamo alla continuità, nonostante la recente piccola svolta a livello di sound, il fatto che il concerto si sia concluso con “Who Will Stop The Rain”, tratta dall’album del 2010 Freedom Rock. Nel classico confronto tra lavoro in studio contro esibizione dal vivo è da notare nel caso degli H.E.A.T. a Sollentuna che l’esecuzione live risulti più carica, con accenti rock e heavy che nella meticolosa produzione a cura di Tobias Lindell risultavano leggermente attutiti. A questi momenti che richiamano i grandi classici dell’arena rock si alternano pezzi più romantici, come “The One And Only”, in occasione della quale Grönwall imbraccia anche la chitarra acustica, riuscendo ad emozionare e ad essere a proprio agio nella doppia veste di cantante e strumentista. Tra le band contemporanee gli H.E.A.T. sono fra quelli che sanno maggiormente reinventare e aggiornare le atmosfere classiche del rock, e in caso di un loro prossimo show italiano vi consiglio di non perderli, potreste pentirvene.

Set List:

1. Breaking The Silence
2. Better Off Alone
3. Living On The Run
4. Late Night Lady
5. Need Her
6. The One And Only
7. Falling Down
8. Heartbreaker
9. Downtown
10. In And Out Of Trouble
11. 1000 Miles
12. It’s All About Tonight
13. Never Let Go
14. Danger Road

Encore:

15. Beg, Beg, Beg
16. Who Will Stop The Rain




Torna ai contenuti | Torna al menu