ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


WARNIPPLES - Hangover Tunes

Reviews

WARNIPPLES
Hangover Tunes

(Coyote Anthems Productions/Masterpiece)

2011

Che abbiano fatto le cose davvero bene, lo si capisce sin dall'elegante digipack, con booklet completo di tutti i testi. Un ottimo biglietto da visita per il debut album dei Warnipples da Asti, uscito dopo un paio di demo ed alcuni anni di scorribande su e giù per i palchi del Nord Italia. Capitanati da Andy Nipple (anche voce degli Highlord, ex Desdemona), i “capezzoli da guerra” scelgono una produzione cristallina e metallica, opera del corregionale Federico Pennazzato, produttore e batterista di Hell In The Club e Secret Sphere, che ha registrato e mixato il cd agli Authoma Studios, mentre della masterizzazione si è occupato Alberto Cutolo ai Massive Arts di Milano. La partenza, affidata a “Porno Doll”, uno dei pezzi forti del disco, evidenzia subito il tentativo di attualizzare la proposta, premendo il piede sull'acceleratore e dando più di una sbirciata al sound che ha segnato la svolta “mainstream” degli Hardcore Superstar. Ripescando alcuni brani dai precedenti ep, i Warnipples offrono a chi già li conosce un mix di nuove e vecchie composizioni che aiuta a trovarsi subito a proprio agio con le attuali sonorità. Pur se irrobustito nei suoni, lo stile diretto, sfacciato e irriverente, marchio di fabbrica del combo piemontese, non cambia granché, mostrando una band consapevole dei propri mezzi e sicura di sé, che non dovrebbe faticare a convincere anche chi si avvicina per la prima volta a questo gruppo. Non inventano nulla, non scopiazzano troppo, mantengono un profilo basso e vanno dritti all'obiettivo: Hangover Tunes è un bel lavoro, ispirato, curato e professionale. Probabilmente non farà fare loro il salto di qualità, che in pratica nessuna rock'n'roll band italiana è mai riuscita a fare, ma l'impegno e la volontà meritano di essere comunque ripagati in qualche modo. Magari con una buona recensione o qualche fanciulla disinibita in camerino. Meglio la seconda forse...

Stefano Gottardi

Track List:

1. Intro
2. Porno Doll
3. Hang 'em Over
4. All The Blame
5. Ashes On Ice
6. Call Me Back
7. Gasoline
8. Snakes N' Pills
9. Poser Blues
10. Serotonin
11. Death Said No
12. Twist Of Fate




Torna ai contenuti | Torna al menu