ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


FUEL FROM HELL

Interviews

FUEL FROM HELL - Max Velvet

Intervista a cura di Alice Ottolini

Abbiamo avuto occasione di parlare con Max Velvet, bassista dei Fuel From Hell, realtà interessante nel panorama hard rock italiano. Dopo averci presentato la band ed il processo creativo dietro al loro recente album Easier Said Than Done, abbiamo parlato delle influenze dietro al sound del gruppo, dei cambiamenti di line-up che ha di recente subito e dei prossimi progetti live.

Ciao Max! Come prima domanda ti chiederei di presentare la tua band ai nostri lettori. Chi sono i Fuel From Hell?
Ciao a tutti! I Fuel From Hell sono una band che esiste ormai da parecchio tempo e che è nata con lo spirito genuino di comporre e suonare musica rock. Abbiamo inciso un paio di album e partecipato a varie compilation americane, riuscendo ad avere un bel feedback a livello di recensioni. Negli anni ci siam tolti parecchie soddisfazioni a livello concertistico riuscendo a fare da spalla a parecchie grosse band (L.A. Guns, Adam Bomb, Firebird, Nashville Pussy…) e a suonare parecchio anche all’estero. Siamo cinque amici che amano suonare insieme e che lo fanno da tanti anni ma lo spirito è sempre quello di quando abbiamo iniziato!

Passiamo ora a parlare del vostro album Easier Said Than Done, pubblicato di recente per la Street Symphonies. Come è nato? Come si è svolto il processo di registrazione?

Ogni album nasce quando abbiamo abbastanza materiale che ci soddisfa e “Easier” è il frutto di un paio di anni di lavoro tra composizione e registrazione. Registrare è un processo molto creativo per noi e non andiamo mai in studio coi paraocchi, ci lasciamo influenzare e cambiamo idea tantissime volte man mano che incidiamo, ci piace lavorare sugli arrangiamenti e sulle voci. Alla fine per registrare è andato via quasi un anno ma solo perché Riccardo Asquini, nostro produttore e boss dello studio, è un nostro amico di vecchia data e possiamo veramente andare ad incidere quando abbiamo le idee chiare e quando abbiamo tempo libero. Abbiamo aggiunto anche pezzi composti e registrati negli ultimi mesi che ci piacevano di più ed escluso canzoni incise per prime che ci piacevano meno e questo è sicuramente uno dei lati positivi nel dilazionare la registrazione.

Le vostre canzoni hanno come tematiche principali i grandi temi classici del rock n’roll: le feste, le donne e le serate spensierate. Sono tratte da esperienze di vita vissuta o vi siete immedesimati nell’atmosfera da Sunset Strip dei tempi d’oro? Dove trovate l’ispirazione per scrivere?
Chi ci conosce sa che anche se non viviamo a Hollywood il nostro “way-of-life” è ed è stato soprattutto in passato MOLTO “anni ‘80” e ti potrei intrattenere per ore con aneddoti che ci sono successi e non essendo più dei ragazzini di esperienze ne abbiamo comunque fatte parecchie quindi non ci inventiamo niente, hahaha! Comunque i testi delle canzoni più nuove scritte da Phil Lasher sono anche più personali quindi non ci poniamo limiti in questo senso, il rock è energia spensierata quando il pezzo chiama e te lo ascolti in auto a tutto volume e può anche essere malinconico e triste se è una ballata, l’importante è lo spirito con cui trasmettere queste emozioni a chi ascolta!

E a livello musicale, chi sono i vostri idoli?
Domanda da un milione di… risposte! Senza dilungarmi troppo posso dirti che tutti e cinque condividiamo la passione per band come Rolling Stones, Def Leppard, Kiss, Cinderella, AC/DC, Alice Cooper… ce ne sono tantissimi ma ci tengo a precisare che non cerchiamo mai di emulare o copiare nessuno di loro, sono semplicemente parte del nostro DNA!

I Fuel From Hell hanno attraversato un cambiamento di formazione con l’entrata del singer Phil Lasher e del batterista Alex Count. Come avete conosciuto e contattato questi nuovi acquisti? Che apporto danno al vostro sound e ai vostri live secondo voi?
Dopo anni posso affermare che i cambi di line-up sono quasi fisiologici, voglio dire che è molto difficile mantenere un impegno costante e continuativo anche in una band come la nostra. Phil l’abbiamo conosciuto ed arruolato tramite amici comuni ed è stata una vera fortuna considerando che vive a parecchi chilometri dal resto della band! Phil è un animale da palcoscenico oltre ad essere la chiave con cui abbiamo finalmente potuto comporre musica con melodie e ritornelli accattivanti! Alex è un nostro amico di lunga data, era solo questione di tempo che entrasse nei Fuel From Hell visto che il rispetto e l’ammirazione erano reciproci! Lui è un batterista alla Tommy Lee per intenderci, giramenti di bacchette inclusi!

Ascoltando Easier Said Than Done resta la curiosità di sentirvi suonare dal vivo, vista l’energia dei brani che avete realizzato. Che progetti avete in cantiere? Concerti in arrivo?
Per i live ci stiamo ancora lavorando, non è che ce la stiamo prendendo comoda è che abbiamo semplicemente deciso di evitare di fare concerti “inutili”, del tipo suonare a quattrocento chilometri di distanza, di giovedì, davanti a venti persone e senza vedere una lira… ovvio che l’abbiamo fatto in passato ma adesso cerchiamo almeno di proporci in situazioni dove un minimo di partecipazione di pubblico è garantita o di supporto a qualche nome di richiamo per dare più visibilità alla band. Posso anticiparti che suoneremo sicuramente all’estero nei prossimi mesi, è dura da ammettere ma fuori dall’Italia le cose sono veramente più favorevoli e semplici da realizzare. Stiamo comunque lavorando sui nuovi pezzi e ne mancano pochissimi per avere un album! E ovvio che non uscirà subito un nuovo disco però non vogliamo far passare troppo dopo “Easier”, considerando il tempo e il lavoro necessario direi che sicuramente torneremo in studio appena il materiale sarà pronto!

In conclusione, vorreste aggiungere qualcosa?
Certo, ringrazio tantissimo tutto lo staff di Roxx Zone che ci ha sempre supportato e anche tutti quelli che stanno leggendo queste parole! Ringrazio tutti quelli che hanno comprato i nostri cd o sono venuti a vederci dal vivo o che semplicemente supportano l’hard rock italiano, c’è bisogno di tutti per tenere viva la scena!

Grazie per la disponibilità!




Torna ai contenuti | Torna al menu