ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


GOTTHARD - Firebirth

Reviews

GOTTHARD
Firebirth

(Nuclear Blast)

2012


Nic Maeder non è Steve Lee. Come David Coverdale non era Ian Gillan, Ripper Owens non era Rob Halford, e così via. Il cambiamento non sempre piace al metallaro medio, ma il cambiamento in questo caso è un vento portatore di novità, positive, per quanto possibile. Ogni nota di questo disco è densa di emozione, ancor più del solito per quanto riguarda i Gotthard, che hanno un sacco di esperienza nel mestiere di far sognare il proprio pubblico con una ballad acustica e di farlo saltare a ritmo sfrenato nel giro di pochi minuti. Già con “Remember It’s Me” avevamo avuto modo di assaporare le capacità artistiche del nuovo cantante, metà svizzero e metà australiano, ma con Firebirth abbiamo modo di apprezzare le sue capacità compositive e la sua versatilità vocale, oltre che di percepirne le grandi doti umane. La cosa migliore da fare quindi è dare incondizionata fiducia alla nuova formazione dei Gotthard, con la convinzione che nel giro di pochissimo la resa sarà perfetta come sempre. Fra i brani contenuti in Firebirth, emergono in particolare la vivacità e il divertimento di “Yippie Aye Yay”, il riff aggressivo che apre e conduce tutta “Give Me Real” e la forza di “S.O.S.” (che dovrebbe stare per “Saints Or Sinner”). In generale però è difficile trovare un anello debole in questo lavoro, che ha visto, è bene ricordarlo, Nic Maeder coinvolto in prima persona, soprattutto nella scrittura di alcune musiche. La fenice che rinasce dalle sue ceneri è quindi frutto di un lavoro corale, che rimane coerente con lo stile a cui i Gotthard ci hanno abituato. Le doti umane e la fiducia che il resto della band ha riversato nelle capacità di Nic Maeder trovano la loro piena realizzazione in “Where Are You”, il pezzo scritto pensando a Steve Lee, le cui musiche sono state scritte proprio da Maeder. E se ascoltandolo vi verrà da piangere (e succederà, non ne dubitate), vorrà dire, strano ma vero, che i Gotthard sono tornati più forti di prima.

Anna Minguzzi

Track List:

1. Starlight
2. Give Me Real 
3. Remember It's Me 
4. Fight 
5. Yippie Aye Yay 
6. Tell Me 
7. Shine 
8. The Story's Over 
9. Right On 
10. S.O.S 
11. Take It All Back
12. I Can 
13. Where Are You




Torna ai contenuti | Torna al menu