ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


HEAVEN'S BASEMENT - Filthy Empire

Reviews

HEAVEN'S BASEMENT
Filthy Empire

(Red Bull Records)

2013


Dopo due ep, svariati cambiamenti di line-up e quattro anni di live sfrenato in giro per l’Europa, è finalmente arrivato il momento per gli Heaven’s Basement di pubblicare il loro debut album Filthy Empire per Red Bull Records: la band inglese, infatti, si è presa tutto il tempo necessario per regalare ai propri fan un primo full-length eccezionale, coerente e d’impatto. Il compito di aprire il disco spetta a “Welcome Home”, in cui il frontman Aaron Buchanan annuncia urlando all’ascoltatore “Motherf**ker, it’s a new beginning!”… quale modo migliore per aprire un debut? La scarica di adrenalina continua con “Fire, Fire”, primo singolo estratto dall’album: riff orecchiabilissimi e un ritornello che resta facilmente impresso, ideale da cantare durante un live. “Nothing Left To Lose” è quasi un inno hard rock melodico e potente insieme, mentre “Lights Out In London” si sviluppa tra sonorità “western” e assoli in perfetto stile ballad. Il ritmo del disco si risolleva con “I Am ELectric”, brano dai riff ipnotici e dal cantato selvaggio; “The Long Goodbye”, già presente sul secondo ep , viene ri-arrangiata, mettendo in risalto l’alchimia e la maturità raggiunte dalla band. In “Heartbreaking Son Of A Bitch” lo spirito più sfrenato del gruppo si scatena, regalandoci una vera e propria scarica di adrenalina, mentre con “Be Somebody” l’atmosfera si addolcisce, senza però rinunciare alla potenza del sound della band. È poi il momento di “Can’t Let Go”, presa dal primo ep: anche qui il pezzo è rivisitato, ma non perde il suo impatto originale; “The Price We Pay” è un romantico brano acustico che esalta le capacità canore di Aaron. Il cd finisce però con l’ennesima scarica di hard rock energico e d’impatto: “Jump Back” apre la strada, con il suo ritmo irresistibile, a “Executioner’s Day”, anche questa presa dal primo ep e ri-arrangiata, che chiude in bellezza un disco che certamente non passerà inosservato nella scena hard rock inglese.

Letizia Maestrello

Track List:

1. Welcome Home
2. Fire, Fire
3. Nothing Left To Lose
4. Lights Out In London
5. I Am Electric
6. The Long Goodbye
7. Heartbreaking Son Of A Bitch
8. Be Somebody
9. Can’t Let Go
10. The Price We Pay
11. Jump Back
12. Executioner’s Day




Torna ai contenuti | Torna al menu