ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


DR. FREAK & MR. 4

Interviews

DR. FREAK & MR. 4 - Dr. Freak & Mr. 4

Intervista a cura di Alice Ottolini

Dopo la recente pubblicazione di Rock'n'Roll Brotherhood, progetto solista di Dr. Freak e Mr. 4, rispettivamente cantante e bassista della band veronese Superhorrorfuck, ho avuto l'opportunità di incontrarli per parlare di come sia nato questo progetto e delle sue caratteristiche.

Ciao! Grazie per averci concesso questa intervista! Come prima domanda vi chiederei come è nata l’idea di realizzare un album solista che coinvolga due membri dei Superhorrorfuck?

Dr. Freak: Salve cara... Il progetto è nato grazie a vari fattori, che sono andati a collimare tra loro in una maniera che non ci ha lasciato indifferenti: dopo che siamo tornati dalla tomba nel 2005 ed abbiamo iniziato a suonare nei Superhorrorfuck, io e Mr. 4 ci siamo sempre sentiti molto legati, sia dal punto di vista compositivo che da quello emotivo, sicché abbiamo deciso di fare delle ricerche sui precedenti proprietari dei corpi che stiamo infestando e abbiamo scoperto che prima di morire oltre a suonare insieme da dieci anni eravamo addirittura legati da un qualche grado di parentela!
Mr. 4: Esattamente! A questo aggiungi il fatto che entrambi avevamo un potenziale musicale più melodico che con i Superhorrorfuck rimaneva inespresso, quindi ci siamo ritrovati con l'esigenza di esprimere qualcosa di diverso nello stesso momento...
Dr. Freak: ...momento che per fortuna è coinciso con una momentanea pausa di uscite di produzioni dei Superhorrorfuck. Insomma, era scritto che questo disco dovesse essere fatto!

I pezzi sono stati composti appositamente per questo disco o erano già nei vostri cassetti da tempo?
Mr. 4: Anche questo è stato piuttosto strano, perché sia io che Freak avevamo scritto e registrato dei pezzi, o abbozzi di canzoni, nelle nostre rispettive cripte senza pensare minimamente che le due cose potessero sposarsi. Poi, una sera, feci ascoltare uno dei miei brani a Freak, lamentandomi che non riuscivo a trovare il testo adatto, lui mi fece ascoltare i suoi ai quali mancava qualche cosa che non riusciva ad ottenere e quindi... senza volerlo ci siamo trovati a lavorare insieme sull'album. Componendo insieme le parti nelle quali prima eravamo bloccati, queste hanno iniziato a fluire come il sangue da una ferita fresca, et voilà, ecco pronto Rock'n'Roll Brotherhood!

Chi ha collaborato con voi come strumentista? Avete trovato differenze nel lavorare a questo progetto rispetto al registrare in studio con gli altri membri della vostra band?

Dr. Freak: Sia io che Mr. 4, lui soprattutto, abbiamo la fortuna di essere delle puttane, dal punto di vista musicale, cioè entrambi suoniamo un po' di tutto, chitarra, basso, batteria. Grazie a questo siamo riusciti a registrare la quasi totalità dell'album per conto nostro senza bisogno di musicisti esterni, fatta eccezione per gli assoli di chitarra di “I'll Never Forget”, composti e registrati da Giulio Paganotto, visto che per quel brano, Four voleva un riff di chitarra più potente e tendente al metal, cosa che esula completamente dalle mie scarse competenze chitarristiche da rockettaro morto vivente! Anche il fantastico riff di basso di “Love After Death” era stato originariamente composto dal Vale, bassista degli Steady Vain, e in seguito leggermente modificato e registrato da Mr. 4.
Mr. 4: Per quanto riguarda invece le differenze con il lavoro di registrazione dei Superhorrorfuck, certamente in questo caso si è trattato di un processo totalmente differente, visto che la maggior parte del disco è stato inciso nelle nostre cripte ad eccezione di una capatina in studio per le voci e alcune parti di batteria. Rispetto alle tempistiche ristrette che si hanno in studio questa volta ce la siamo presa con molta calma, l'atmosfera era molto più rilassata, anche perché invece di cinque teste decomposte dovevamo metterne d'accordo solamente due!

In questo disco le sonorità sono meno ruvide e più accattivanti rispetto ai pezzi che proponente abitualmente. Ci potete parlare delle vostre influenze musicali in Rock n Roll Brotherhood?
Mr. 4: Fondamentalmente le influenze rimangono le stesse, cambia solamente la maniera di utilizzarle. Sicuramente quello che salta più all'orecchio saranno le nostre preferenze per le band glam e rock come Mötley Crüe, Kiss, Poison ecc. In realtà dentro questo disco ci sono tutti i suoni che ci hanno accompagnati sin dalla nostra vita precedente, comprese le band che ascoltavamo da ragazzini come Offspring e Blink 182!

Rispetto alle tematiche, lasciate l’horror e le ambientazioni splatter, cosa vi ha ispirato nel comporre?
Dr. Freak: Come si intuirà dai testi, l'amore è la tematica che principalmente ha ispirato questo disco. Le rare scappatelle che avevo fatto come songwriter dei SHF nell'universo amoroso finivano irrimediabilmente per cadere nello splatter e nell'orrido, mentre ora sentivamo l'esigenza di esprimere il nostro lato romantico nella sua totalità, senza doverlo per forza condire con sesso necrofilo... non che ora questo ci interessi di meno, eh! Oltre a questa overdose di sentimenti dolci e amari, abbiamo tentato di rendere l'idead (non è un errore di battitura!
NdR) di cosa frulla nelle nostre teste malate e da dove vengono tutte queste malsane invenzioni!

Come ultima domanda, avete in programma di proporre Rock 'n' Roll Brotherhood live prossimamente?
Mr. 4: Visto lo scarso tempo a disposizione a causa dell'imminente registrazione del nuovo album dei Superhorrorfuck, avevamo pensato di suonare solamente al release party del disco, (che si è svolto sabato 28 gennaio 2012 per chi se lo fosse perso www.youtube.com/user/DoctorEdJFreak), ma una volta che abbiamo portato sul palco le canzoni che eravamo abituati sentire solamente in versione “patinata”, ci siamo talmente entusiasmati che vorremmo rifarlo altre mille volte! Per ora non possiamo dare nulla per certo, ma stiamo cercando di organizzare una serie di date unpluggdead, il che ci darebbe la possibilità di esibirci in luoghi che generalmente sono inaccessibili alle nostre scariche di decibel. In ogni caso per avere informazioni certe non dimenticate di controllare i nostri siti www.edjfreak.com...
Dr. Freak: Mi raccomando edjfreak.com, NON drfreak.com, ho scoperto che quello è un interessantissimo sito porno!
Mr. 4: … www.mrfour.eu e naturalmente www.superhorrfuck.net.

Grazie per la chiacchierata!
Dr. Freak e Mr.4: Grazie a te!




Torna ai contenuti | Torna al menu