ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


RAGDOLLS - Dead Girls Don't Say No

Reviews

RAGDOLLS
Dead Girls Don't Say No

(logic(il)logic/Atomic Stuff)

2011


Basta uno sguardo alla copertina, con i quattro musicisti-zombie intenti a profanare la tomba di una bella fanciulla per capire che cosa aspettarsi: horror rock. Dando un'occhiata all'immagine e allo stile (musicale e dei testi), sarebbe sin troppo facile paragonare i Ragdolls ai connazionali Sister e altre band che sposano lo stesso concetto filosofico tanto di moda nell'ultimo periodo, ma non va dimenticato che questo gruppo fondato dal bravissimo Vikki Violence (autore di tutte le musiche e liriche) è attivo dal 2007 ed ha sempre suonato horror rock. Dopo l'intro di rito “One Foot In The Grave”, la frizzante “Beautiful Homicide” svela un sound fresco e moderno, rock'n'roll selvaggio come nella miglior tradizione svedese con un retrogusto heavy e dark che fa tanto Murderdolls. Anche il paragone col famoso combo americano ci sta tutto, ma sarebbe sbagliato etichettare come cloni gli svedesi, che sono parimenti influenzati da mostri (!) sacri come Misfits, Alice Cooper e Marylin Manson, e che nel corso del disco mostrano anche una certa personalità, grazie a canzoni come la nenia funebre “Gravediggers Dance”, l'inaspettatamente catchy “Michelle” (la vera perla nera del cd, con la voce della bravissima guest Johanna Backman), e la sorprendente ballad “Dead Like Me”. Di certo limitati dall'impossibilità di trattare tematiche diverse da quelle macabre e sanguinolente che caratterizzano tutti i lavori di questo tipo, i Ragdolls riescono comunque a colpire l'ascoltatore per la qualità dei pezzi proposti: brani come “Halloween Night”, “House Of Horror” e la decisamente poco orrorifica, a meno che siate dei salutisti della peggior specie, “Shut Up And Drink”, infatti, difficilmente passeranno inosservati. Molto giovani (l'età media è attorno ai 21 anni) ma adeguatamente preparati, i Ragdolls sfornano un album invitante e convincente, anche per quel che riguarda la produzione. La raccapricciante ciurmaglia guidata da Vikki Violence sarà in Italia per tre date a inizio marzo: se avete un po' di fegato andateli a vedere, ci sarà sicuramente da divertirsi...

Sergio Grossi

Track List:

1. One Foot In The Grave
2. Beautiful Homicide
3. Halloween Night
4. Shut Up And Drink
5. Shovels
6. Gravediggers Dance
7. Michelle
8. Im A Werewolf
9. House Of Horror
10. Dead Like Me
11. Gruesome For Some




Torna ai contenuti | Torna al menu