ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


STARDISHWASHERS - Cool

Reviews

STARDISHWASHERS
Cool

(Red Pony/Audioglobe)

2010

Di italiano questi quattro ragazzi romani conservano solo il nome sulle loro carte di identità. Per il resto, dal modo di suonare al look, saremmo tutti pronti a scommettere che si tratti di un ennesimo gruppo proveniente dalla prolifica british invasion di questi ultimi anni. Melodie immediate, a volte malinconiche ma sempre efficaci, fanno di Cool un ottimo album di debutto, grazie soprattutto alla personalità ed alla sicurezza che Stefano (voce) e soci dimostrano in ogni brano. Le dieci tracce che compongono il disco sembrano registrate in presa diretta e buttate direttamente sul cd al primo colpo; della serie buona la prima. Ruvide e graffianti, sfrontate e potenti come solo un concerto live sa essere. Alcuni tra i pezzi migliori sono posti, come logico, all’inizio del cd: “Johhny Vs The Yokels” e la seguente “Neighbour’s Daughter” fanno subito capire come la band non abbia alcuna intenzione di scherzare. Influenze di punk inglese mischiate a sonorità grunge caratterizzano il suono degli Stardishwashers regalandoci riff veloci ed incalzanti (“Hot Rods”), e melodie che rimangono in testa al primo ascolto. “A Glass Of You” è introdotta da un giro di chitarra in stile Creed, ma il paragone con il gruppo americano finisce li, mentre la seguente “My Endless Wait” ci fa capire come la band si trovi a proprio agio anche su ritmi più pacati. Su territori più oscuri e metal si muovono invece “Sister M” e “Love For Sale”. Un album omogeneo in cui ogni traccia trova la giusta collocazione, nonostante le variazioni di stile siano più che semplici sfumature. Un inizio più che promettente.

Paolo Paganini

Track List:

1. Johnny Vs The Yokels
2. Neighbour’s Daughter
3. Hot Rods
4. Little Shandi
5. Hardworking Man
6. A Glass Of You
7. My Endless Wait
8. Sister M
9. Love For Sale
10. Bad Granma




Torna ai contenuti | Torna al menu