ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


GUNFIRE 76 - Casualties & Tragedies

Reviews

GUNFIRE 76
Casualties & Tragedies

(Wednesday 13/LLC)

2009


Joseph Poole aka Wednesday 13 è una persona onesta, almeno questo è quello che penso io. Ha bazzicato l'underground con i Frankenstein Drag Queens From Planet 13 portando avanti la sua battaglia "horror/b-movie" finché, per una serie di coincidenze fortunate tutte chiamate Joey Jordison, è inciampato nel mainstream con i Murderdolls (cambiando la testa e il look di molti glam rocker) per poi ritornare a piccoli passi da dove è venuto continuando per la sua strada. Rieccolo oggi, dopo 3 album solisti (non sempre impeccabili) con un progetto nuovo di zecca e un'attitudine che in parte reinventa quanto già fatto in passato. Fin dalle prime note di "Let's Kill The Hero" è chiaro che qualcosa è cambiato, i ritmi non sono forsennati come in precedenza e la ricerca della melodia è più marcata, scelta che diventa ancora più evidente nelle successive "Casualties & Tragedies" e "Nothing's All I Need": due strepitose party song che sanno di glam rock e di punk 77 dalla prima all'ultima nota. Sembra che il caro, vecchio Wed abbia cercato una via di uscita dal personaggio che si era costruito attorno trovando una dimensione più a misura di uomo che di zombie, "Los Angel-Less" è quasi una ballad e in prima battuta può destabilizzare ascoltare materiale così diverso dal passato. "Rocket To Nowhere" continua sulla strada del rock n roll più scanzonato e sleazy mettendo a segno uno dei colpi migliori dell'album. L'unico chiaro punto di contatto con i vecchi lavori sono in realtà la corrosiva voce di Wednesday e le lirycs, sempre un piccolo passo avanti per quanto riguarda humor e sarcasmo rispetto a molte altre band. Capita di imbattersi in episodi più legati alla carriera solista (vedi: “What Did You Expect”) ma possiamo dire che l'intenzione di questo album è forse proprio quello di prendere le distanze dal filone horror-punk di cui Wed era stato portabandiera in favore di un più schietto glam rock che va a pescare a piene mani dal repertorio di gente come Faster Pussycat e Kiss. Un appunto sulla produzione che sa molto di low-budget senza però essere di bassa qualità e che, coeso con una promozione molto artigianale (artwork molto poco pretenzioso e pubblicità praticamente nulla se non su social network), non fa che incrementare la stima per un artista che in fondo durante gli anni non ha fatto altro che seguire i propri gusti prima delle esigenze di mercato. Da questo Casualties & Tragedies non aspettatevi quindi la perfezione, ma piuttosto parecchia sincerità e forse l'inizio di una nuova storia.

Silvano "p.i.z." Ancellotti

Track List:

1. Let´s Kill The Hero
2. Casualties And Tragedies
3. Nothings All I Need
4. Los Angel-Less
5. Rocket To Nowhere
6. Something For The Suffering
7. One More Reason To Hate You
8. Tell You Like It Is
9. What Did You Expect
10. Back To The Gutter
11. Get Me Through The Night




Torna ai contenuti | Torna al menu