ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


SCREAM BABY SCREAM - Campfire Tales

Reviews

SCREAM BABY SCREAM
Campfire Tales

(Autoprodotto)

2011

A breve distanza della pubblicazione dell'ep U And Me 3 Meters Underground, gli Scream Baby Scream si ripresentano con il debut album Campfire Tales. Nell'arco di poco tempo la line-up ha subito un cambiamento significativo con l'aggiunta di un tastierista, il cui apporto ha influito pesantemente sul sound, ora più heavy, cupo ed industrial oriented. Uno dei punti deboli dell'horror rock è la scarsa originalità, aspetto molte volte fondamentale per la buona riuscita di un disco, spesso limitato dalle caratteristiche del genere stesso e dalle tematiche, che vuoi o non vuoi sono più o meno sempre quelle (sangue, torture, morte; morte, torture, sangue). Mescolare sleaze/glam e orrore è una strada già percorsa da altri in precedenza, e truccarsi da zombi non è di certo una novità, tuttavia gli Scream Baby Scream pur non prendendo affatto le distanze da questo filone, sono riusciti a creare un suono ibrido che mescola influenze riconducibili a gente come Marilyn Manson, Deathstars, Murderdolls, Misfits e Alice Cooper, con una punta di personalità. Il risultato è contenuto in 14 tracce di hard rock a tinte oscure e metalliche, con l'immancabile humour di sottofondo che caratterizza buona parte dei lavori di questo tipo. Fra molti brani godibili e divertenti (“Fake Blood”, “Make Your Choice”, di cui èstato girato anche un videoclip, “Lullaby For Dead Children (The Hangman Song)”, “You& Me3 Meters Underground” e le riproposizioni in chiave orrorifica e umoristica di “Barbie Girl” degli Aqua, che diventa “Zombie Girl” e la già nota “Necromance”, che altro non è che “Bad Romance” di Lady Gaga), ne sbuca però qualcuno che sa di riempitivo (“Undead Heroes”, “Ghost Of You”, “Blood Red Witch”), e considerato che la voce di Damien Die alla lunga risulta un po' monocorde e difficile da digerire, forse sarebbe stato meglio alleggerire la tracklist di qualche pezzo, per favorire la scorrevolezza del disco. Un bel packaging, il booklet ricco di foto e testi, ed una buona produzione mostrano la professionalità della band, valore aggiunto sempre molto gradito da chi decide di investire i propri soldi in un cd. Cosa rara, purtroppo, di questi tempi. Buona la prima!

Stefano Gottardi

Track List:

1. Dawn Of Necrosis
2. Porcelain Doll
3. No Brain
4. Fake Blood
5. Shadow Man
6. Make Your Choice
7. Lullaby For Dead Children (The Hangman Song)
8. Undead Heroes
9. Ghost Of You
10. You& Me3 Meters Underground
11. Blood Red Witch
12. Scream Baby Scream 'Til Death
13. Zombie Girl (bonus track)
14. Necromance (bonus track)




Torna ai contenuti | Torna al menu