ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


HOMERUN - Black World

Reviews

HOMERUN
Black World

(Tanzan Music)

2011


Il buon Don't Stop del 2008 aveva cominciato a far circolare il nome degli Homerun fra addetti ai lavori e appassionati, tre anni dopo, con alcuni cambi di line-up che hanno portato in formazione Valerio Castiglioni (chitarra), Paolo Luoni (basso) e William Battiston (batteria), il combo lombardo si riaffaccia sul mercato con una nuova casa discografica e tanto, rinnovato entusiasmo. L'etichetta di Gotthard-clone, affibiata, anche a ragione volendo guardare, dai più col precedente lavoro, lascia il posto a un sound più maturo, robusto e personale, seppur in qualche modo sempre riconducibile al la band svizzera. Suoni quadrati e potenti mettono in risalto un songwriting ricercato, e forti dosi di classe pura. In un contesto generale qualitativamente parlando piuttosto elevato, spiccano composizioni fresche e frizzanti, vere e proprie bombe a mano di hard rock scintillante (“Silence’s Broken”, “Ephemeral Light”, “Black World”, “The Golden Cage”, “Lipstick”, “Another Reason To”) di facile e sicura presa. Capaci di sembrare poco italiani, paradossalmente gli Homerun possono vantarsi di esserlo e di sapere tenere testa a gruppi internazionali più blasonati. Vero eroe si rivela il cantante Matteo Albarelli, che graffia a dovere mostrando doti vocali non comuni, ma a vincere è l'intero gruppo, il cui lavoro sopraffino e certosino, in fase di composizione, arrangiamento ed esecuzione, eleva il valore di Black World e della band, portandola sul podio delle migliori formazioni tricolori dedite all'hard rock melodico. Un grosso applauso.

Stefano Gottardi

Track List:

1. Intro
2. Silence’s Broken
3. No More
4. As We Did Before
5. Ephemeral Light
6. Our Love Song
7. Black World
8. Princess Of Time
9. The Golden Cage
10. Lipstick
11. Intoxication Of Love
12. Firefly
13. Another Reason To
14. No More (acoustic version - bonus track)




Torna ai contenuti | Torna al menu