ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


WAKE UP CALL - Batteries Are Not Included

Reviews

WAKE UP CALL
Batteries Are Not Included

(Hit Bit Records)

2012

I ragazzini sono cresciuti. Forse l'abbiamo già scritto per il precedente ep, o forse no, ma dai tempi dei Knyght (la prima incarnazione di questa band) di acqua sotto ai ponti ne è passata parecchia. Complimenti e scoppole presi da critica e pubblico nelle tante recensioni e date dal vivo devono aver fatto effetto: questo primo full-length risulta maturo e ispirato, diretto e divertente, farcito di brani di facile ascolto, ritornelli a presa rapida e tanta energia, quella che forse finora era un po' mancata. La linea generale è sempre la stessa: hard rock melodico dalla vena leggermente moderna che sprizza zucchero e felicità da ogni nota. Ascoltando questo cd viene anche da domandarsi che avranno mai i Wake Up Call da essere così allegri, considerando quanto fa schifo il mondo e, soprattutto, che con la loro musica contribuiscono giornalmente all'aumento di malati di diabete. Magari aspirano al titolo di band più positiva del pianeta, chissà, e tutto sommato di questi tempi un briciolo di entusiasmo e ottimismo non guasta. Come al solito il quartetto romano ha prestato attenzione ai particolari: artwork, booklet e produzione (gli Hate Studio sono una garanzia!) sono eccellenti, e non manca neanche il videoclip che li mostra in tutto il loro splendore post adolescenziale (“To Be”). Se riuscite ad immaginare Bon Jovi con gli Enuff Znuff che se la spassano a una festa di compleanno a suon di cupcakes multicolore innaffiati da fiumi di limonata e cedrata, e la cosa non urta la vostra sensibilità di rocker duri e puri, allora questo è il disco che fa per voi. Al suo interno troverete ottima musica, probabilmente nessun pezzo debole (sì, forse la ballata bagnamutande “Smile” si può anche skippare, è vero), e almeno un paio di killer song (“Just Wanna Dance ” e “Batteries Are Not Included”), a meno che siate dei fan dei Cannibal Corpse: in quel caso levate qualche punto al giudizio finale. E magari cambiate webzine.

Stefano Gottardi

Track List:

1. To Be
2. Kill Your Dreams
3. Christine
4. Batteries Are Not Included
5. Smile
6. Just Wanna Dance
7. Let You Go
8. AssHole
9. One Day
10. Not Like You
11. Right Here




Torna ai contenuti | Torna al menu