ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


EDGE OF FOREVER - Another Paradise

Reviews

EDGE OF FOREVER
Another Paradise

(7Hard/Andromeda Dischi)

2010


Come back discografico per gli Edge Of Forever, di cui si erano perse le tracce dopo il buon Let The Demon Rock n' Roll del 2005. Sono molte le novità che caratterizzano questo nuovo album, prima fra tutte l'etichetta, la tedesca 7Hard, anche se quella più rilevante riguarda la line-up, che oggi vanta la presenza di due soli membri originali: Francesco Jovino alla batteria e Alessandro Delvecchio che, oltre a suonare le tastiere, si fa carico di tutte le parti vocali. I nuovi ingressi sono Walter Caliaro alla chitarra e Nik Mazzucconi (Moonstone Project) al basso. Il terzo lavoro del combo italiano è curato sotto a tutti gli aspetti, da quello grafico, che prevede un packaging di prim'ordine con booklet completo di foto e testi, a quello prettamente sonoro, merito di una produzione sopra le righe ad opera dello stesso Delvecchio. Stilisticamente non si registrano stravolgimenti di sorta, con la band ben attenta a rinverdire i propri fasti per la felicità dei fedeli estimatori. Da subito “Distant Voices” mostra la qualità del prodotto, nonché le doti vocali di Delvecchio (anche se questa era cosa risaputa, quantomeno da chi conosce un po' meglio il musicista lombardo), che non fa rimpiangere il vecchio singer Bob Harris (Axe). Proprio l'americano partecipa alle backing vocals di “What I’ve Never Seen”, delicata ballad capace di emozionare, anche se la vera perla del disco è il duetto con Roberto Tiranti (Labyrinth) sulla title-track, vera bomba di hard rock melodico che sprigiona classe da ogni nota. Altre collaborazioni eccellenti si trovano in “Edge Of Life”, che registra il contributo di Carsten “Lizard” Schulz (Evidence One, Domain) alle backing vocals e di Jgor Gianola (U.D.O., Gotthard, Jorn) che si occupa dell’assolo di chitarra, ma il vero punto di forza di questo platter è un songwriting di altissimo livello, che si mantiene costante per tutta la durata del cd. Da segnalare una spettacolare cover di “What A Feeling”, famosissima canzone tratta dal film Flashdance, che il quartetto riesce a rendere personale e adattissima a questo disco. Un album eccellente, probabilmente il migliore degli Edge Of Forever, che la band ha dedicato all'amico ed ex produttore Marcel Jacob: il 2010 non poteva iniziare meglio di così.

Stefano Gottardi

Track List:

1. Distant Voices
2. Another Paradise
3. Lonely
4. Edge Of Life
5. I Won't Call You
6. My Revenge
7. What I've Never Seen
8. What A Feeling
9. Eye Of The Storm
10. Against The Wall




Torna ai contenuti | Torna al menu