ROXX ZONE - If you don't like rock n' roll... we don't like you!


Vai ai contenuti

Menu principale:


VIOLET GIBSON - American Circus

Reviews

VIOLET GIBSON
American Circus

(logic(il)logic Records/Andromeda Dischi)

2012

I Violet Gibson realizzano un album dominato dalle sonorità heavy, senza per questo far mancare al loro lavoro personalità o la capacità di emozionare l’ascoltatore. I primi pezzi, “Go Ahead”, la title track “American Circus” e “Original Sinner”, rappresentano il manifesto della band: potenza, forza e capacità di insinuarsi nella mente per non andarsene tanto facilmente. Da sottolineare inoltre la capacità del singer Matteo Brozzi, che con la sua voce dalle tonalità aspre e graffianti, ma allo stesso tempo espressive, riesce a rappresentare un ingrediente all’altezza per la riuscita di un album di livello. Con “She Feels Alive” l’atmosfera si rilassa, arrivando al primo momento romantico del disco, per poi riprendere ad accelerare con “Superstition” cover di Stevie Wonder, resa in chiave Violet Gibson e “In My Head”. Con la traccia “Forget About The Rain” si giunge ad uno dei pezzi migliori di questo lavoro, in bilico tra la ballad e l’heavy metal tirato, in un mix decisamente particolare. L'album prosegue, mantenendo intatta la qualità dei pezzi, verso la metà con “Games Of Sorrow” e “I Wish I Could”, per chiudersi all’insegna dell’energia e dell’heavy metal con “Parasite” e “Your Balls On Fire”, ad eccezione di “From The Moon To Your Feet”, brano dall’atmosfera soffusa e dolce. American Circus termina, come si usa dire, “col botto” con “The Reason To Be God ”, che rappresenta l’ennesimo brano eccellente in disco che diventa un must have per tutti gli amanti dell’heavy metal più classico e, per che no, per tutti coloro ai quali piace il rock di stampo americano.

Alice Ottolini

Track List:

1. Go Ahead
2. American Circus
3. Original Sinner
4. She Feels Alive
5. Superstition
6. In My Head
7. Forget About The Rain
8. Game Of Sorrow
9. I Wish I Could
10. Parasite
11. From The Moon To Your Feet
12. Your Balls On Fire
13. The Reason To Be God




Torna ai contenuti | Torna al menu