WILD ROSE - 4 - Roxx Zone 3.0

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

 

WILD ROSE
4


Lions Pride Music
2016

di Alberto Rozza, 16/04/2016

Tornano con un grande album i Wild Rose, band AOR di origine greca dale grandissime potenzialità. La partenza è fresca e spensierata, "Desperate Heart" si presenta come un brano di ampio respiro, arioso e intenso. "Love Can Change You" mostra un riff azzeccato e tagliente, senza cali di tensione e nel complesso molto ben strutturato in tutte le sue componenti. A tratti sembra di essere ritornati nei gloriosi anni ’80, fatto messo in evidenza anche in "Summer Girl", dai suoni convincenti e dalla trama sempre in crescendo. "Time After Time" sigilla il rapporto tra band e ascoltatore: grande brano, grande musica e riuscita perfetta. Chiaramente supportati da una produzione all’altezza, i Wild Rose mettono in luce anche un’eccellente preparazione tecnica e una particolare vivacità creativa, come nel cruento e deciso "Love Games". Ottimi riff si mischiano con le tastiere tipiche del genere AOR, creando intrecci perfetti e piacevoli, sfornando brani tosti e riusciti come "Hot Wired", corale e decadente, o "Save The Night", lento, scintillante e cristallino. La tensione sale nuovamente con la gustosissima "Broken Hearted", sempre incentrata su argomenti sentimentali e resa nel migliore dei modi dalla band. Nonostante ci si avvii verso la conclusione, i Wild Rose incastonano l’ennesima perla di questo album – gioiello: "Waiting For You" fa spalancare occhi, orecchie e soprattutto il cuore dei più sentimentali. Cala il sipario sulle note di "Don't Let Me Down", altra trionfale cavalcata che completa e conclude degnamente un lavoro di livello altissimo, eccellente in tutte le sfaccettature e che potrebbe seriamente lanciare i Wild Rose nell’Olimpo del rock contemporaneo.

Track List:

1. Desperate Heart
2. Love Can Change You
3. Summer Girl
4. Time After Time
5. Love Games
6. Hot Wired
7. Save The Night
8. Broken Hearted
9. Waiting For You
10. Don't Let Me Down



 
Torna ai contenuti | Torna al menu